Olio: 80% produzione in meno, in Abruzzo chiesto stato calamità naturale

olive nuova
Circa 160 mila tonnellate di olive in meno pari a 20 mila tonnellate di olio: una perdita dell’80% della produzione che, tradotta in moneta, corrisponde ad 80 milioni di euro che verranno a mancare ad un totale di circa 25 mila imprese su ben 45 mila ettari di terreno dedicato. È la drammatica fotografia scattata da Coldiretti sulla campagna olivicola in via di conclusione, fortemente penalizzata dall’anomalo andamento climatico e dall’attacco di fitopatie che, mai come quest’anno, hanno compromesso il raccolto di uno dei prodotti simbolo dell’agricoltura abruzzese. Un anno con poco, pochissimo olio, e ancora meno a denominazione di origine, quasi introvabile e comunque soggetto all’inevitabile lievitazione del prezzo. Una situazione allarmante che riguarda tutta la regione – con particolare riferimento alle province di Pescara e Chieti – su cui già a luglio Coldiretti aveva messo in guardia gli uffici regionali chiedendo l’avvio del monitoraggio da parte dei tecnici per la verifica della situazione. Le previsioni si sono dimostrate più che realistiche, e l’insolita estate è stata solo il preludio di un dramma economico che non sta risparmiando nessuno determinando, in alcuni casi, la perdita dell’intero raccolto. Ieri, l’incontro di Coldiretti con l’assessore regionale all’agricoltura Dino Pepe, per chiedere con forza l’attivazione delle procedure per il riconoscimento dello stato di calamità naturale previsto dal decreto legislativo n.102/04 per gli eventi non assicurabili. Un atto necessario – e non rinviabile vista la gravità della situazione – su cui Coldiretti non è disposta a soprassedere. “Auspichiamo l’immediato sopralluogo dei tecnici regionali per l’effettiva quantificazione del danno e la definizione della territorialità dell’emergenza – dice il direttore di Coldiretti Abruzzo, Alberto Bertinelli – ci aspettiamo dall’assessore un impegno forte e deciso affinchè venga immediatamente approvata dalla giunta la delibera con cui si chiedere al ministero l’emanazione del decreto per l’attivazione degli interventi compensativi”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.