Olio: annata scarsa ma in commercio extravergine di qualità

olio e olive
La scarsa campagna olivicola nazionale, che si è attestata ben al di sotto delle 300mila tonnellate, ha innegabilmente messo in difficoltà i produttori olivicoli e la filiera del settore, acuendo quest’anno una situazione di carenza della produzione che tuttavia, anche se con entità di anno in anno diversa, esiste da anni nel nostro Paese. Nonostante l’eccezionalità di quest’anno, infatti, l’Italia non è un Paese autosufficiente: il fabbisogno annuale di consumo di olio di oliva degli italiani (circa 600mila tonnellate) è da sempre più elevato della produzione nazionale, e a questo deve aggiungersi quello necessario a garantire l’esportazione dei nostri prodotti in tutto il mondo (circa 400mila tonnellate). Lo sottolineano Assitol e Federolio nel precisare che come ogni anno, dunque, le aziende olearie valorizzeranno al meglio la produzione 100% italiana disponibile, e nel contempo selezioneranno e accosteranno i migliori oli di produzione estera, esaltando e valorizzando le diverse cultivar sul mercato per continuare ad offrire ai consumatori italiani prodotti di qualità e con le caratteristiche organolettiche a cui è abituato. Le aziende che operano nel settore del confezionamento e del commercio dell’olio di oliva, vantano una profonda competenza e tradizione nell’arte del “blending”, attività paragonabile, nella semplificazione, alla creazione di cuvée nel settore vinicolo o alle diverse tipologie di miscele di caffè. Questa competenza continuerà dunque a garantire la presenza sulle tavole degli italiani di extravergine di qualità. Per questo Assitol e Federolio, ”apprezzano profondamente le dichiarazioni di impegno del ministro Martina di convocazione di un tavolo di filiera per definire le direttrici della strategia di intervento per il settore e la revisione del Piano di settore olivicolo-oleario. Miglioramento della competitività dell’olivicoltura, modernizzazione, miglioramento e tutela della qualità della produzione, tracciabilità sono i temi – concludono – su cui si gioca il futuro di uno dei più importanti settori dell’agroalimentare italiano”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.