Olio: Ceq, il limite alchil esteri crea confusione


“Il rischio è che l’olivicoltura italiana si divida sul valore degli alchil esteri, uno strumento creato per combattere il fenomeno malavitoso degli oli deodorati, perché la norma così come è scritta genera confusione”. Lo afferma, in una nota, il presidente del Ceq, Consorzio extravergine di qualità, Elia Fiorillo in merito a limite imposto per i composti chimici che si sviluppano nella lavorazione degli oli di cattiva qualità, come impostato nell’articolo 43 del decreto Sviluppo. La norma, infatti, prevede che “gli oli di oliva extravergini etichettati con la dicitura Italia o italiano o che comunque evocano un’origine italiana per essere tali debbano contenere metil esteri degli acidi grassi ed etil esteri degli acidi grassi minore o uguale a 30 mg/Kg”. Ed è proprio la soglia dei 30 che, secondo Fiorillo, può diventare un pretesto per gli speculatori per comprare a basso prezzo produzioni di qualità italiane e, magari, imbottigliarle all’estero; sicuramente un parere degli esperti e degli organismi deputati al controllo prima della stesura del decreto, secondo il presidente sarebbe stata auspicabile. Cosa diversa, invece, è ipotizzare per l’Alta qualità italiana un disciplinare che potrebbe prevedere un valore anche più restrittivo di Alchil esteri a 20.(ANSA).

Un Commento in “Olio: Ceq, il limite alchil esteri crea confusione”

  • antonio scritto il 18 ottobre 2012 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 13:41

    si puo’ abbassare il valore degli alchil esteri e come

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.