Olio: Coldiretti, -38% raccolto italiano, volano i prezzi

olive-nuova“Crollo del 38% della produzione di olio di oliva in Italia che scende ad appena 298 milioni di chili, un valore vicino ai minimi storici di sempre, con effetti inevitabili sui prezzi”. E’ quanto afferma la Coldiretti in base ai dati Ismea/Unaprol presentati oggi alla Giornata nazionale dell’extravergine italiano a Firenze.

Anche a livello mondiale, per Coldiretti, “si prevede una storica carestia dei raccolti” causa il crollo della produzione anche in Grecia – meno 240 milioni di kg (-20%) – e in Tunisia – dove non si supereranno i 110 milioni di chili (-21%). In linea con l’anno scorso invece la produzione della Spagna (1,4 mln di kg) che si conferma leader mondiale e in controtendenza la Turchia, + 33% per un totale di 190 milioni di chili. “Il risultato – spiega Coldiretti – è una previsione di produzione mondiale a 2,785 miliardi di chili in calo del 9%, con prezzi che si prevedono in forte rialzo”. Con conseguenti effetti sul carrello della spesa. Coldiretti rileva che i prezzi alla borsa merci di Bari, “la piu’ rappresentativa a livello nazionale”, sono in “significativo aumento con un balzo nell’ultima settimana del 14% per l’extravergine rispetto a inizio anno.

Le previsioni Ismea/Unaprol che classificano l’Italia come secondo produttore mondiale nel 2016/17 indicano che la Puglia si conferma la principale regione di produzione nonostante il calo, seconda la Calabria (dove il calo è inferiore alla media nazionale), seguita dalla Sicilia. Complessivamente nel Mezzogiorno si stima un calo produttivo del 39%, al nord del 10, al centro del 29%, con la Toscana in linea con questa riduzione.

“L’Italia – evidenzia il presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo – può contare su oltre 250 milioni di piante di ulivo, su oltre un milione di ettari di terreno coltivato con il maggior numero di olio extravergine a denominazione (44) in Europa e sul più vasto patrimonio di varietà di ulivo al mondo (395) che garantiscono un fatturato di consumo stimato in 3,2 miliardi di euro nel 2015”.
Sono “quasi diecimila agricoltori italiani scesi in piazza per la mobilitazione” a difesa dell’oro verde Made in Italy, nella Giornata nazionale dell’olio extravergine italiano in corso fuori e dentro il Mandela Forum di Firenze. Lo rende noto Coldiretti, che ha promosso oggi la manifestazione, a cui partecipa il presidente dell’associazione Roberto Moncalvo e a cui sono attesi anche il premier Matteo Renzi e i ministri Maurizio Martina e Andrea Orlando.

“In Italia, nel 20015, sono quadruplicate le frodi nel settore degli oli e dei grassi con un incremento record del 278% del valore dei sequestri di questi prodotti perché adulterati, contraffatti o falsificati”. A denunciarlo, sulla base dell’attività del Nas dei carabinieri, la Coldiretti nel corso della Giornata nazionale dell’extravergine italiano al Mandela Forum di Firenze.
Contro la contraffazione dell’olio “lavoriamo 7 giorni su 7: abbiamo rafforzato moltissimo i controlli, stiamo conducendo operazioni sperimentali e controllando tutti flussi: abbiamo fatto 26mila controlli in due anni, dando il segno di un paese leader su questo fronte”. Lo ha detto il ministro per le Politiche agricole Maurizio Martina, parlando a margine della Giornata nazionale dell’extravergine italiano organizzata da Coldiretti a Firenze. “Dobbiamo essere consapevoli – ha aggiunto – di avere un paese con un sistema di controlli invidiato in tutto il mondo”.

Le grande sfide dell’agroalimentare “sono dare una maggiore informazione al consumatore, tracciabilità, etichettatura per le produzioni di qualità, e le dobbiamo vincere, anticipando anche alcune scelte, che magari si faranno più avanti, a livello europeo”. Lo ha detto il ministro per le Politiche agricole Maurizio Martina, a margine della Giornata nazionale dell’Extravergine italiano organizzata da Coldiretti a Firenze. A tutela della qualità dell’olio, ha spiegato, adesso “un’etichetta più chiara c’è, e tra le novità c’è anche l’ indicazione della data di raccolta, che in Italia abbiamo fortemente voluto. Come abbiamo fatto nell’olio in questi anni, lo abbiamo fatto anche nel lattiero caseario sperimentando l’origine in etichetta per primi con la Francia”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.