Olio: le analisi alla frontiera sveleranno le contraffazioni


Sottoporre l’olio extra vergine di oliva alle frontiere all’analisi degli isotopi, per evitare che si spacci prodotto nazionale con quello proveniente dai mercati stranieri. E’ questo l’obiettivo del protocollo d’intesa siglato questa mattina tra il ministero delle Politiche agricole e l’Istituto Agrario di S. Michele all’Adige (Iasma), presso la sede del Corpo forestale dello Stato a cui sarà affidato il coordinamento delle attività. “Brindo con favore a questo accordo – ha detto il ministro Romano – che costa molto poco rispetto alle enormi tutele che darà ai consumatori, agli operatori e ai trasformatori; il nostro operato – ha spiegato – va in due direzioni, valorizzare la qualità dei nostri prodotti e contrastare la contraffazione”. Anche il capo del Corpo forestale, Cesare Patrone si è soffermato sull’importanza in termini di risparmio e di efficienza, di un lavoro coordinato insieme alle altre organizzazioni. Presente alla firma anche la Coldiretti che, insieme all’Agenzie delle Dogane, contribuirà nella segnalazione dei campioni da sottoporre ad analisi.
Il presidente Sergio Marini ha precisato come, “a fronte di un aumento del 22% dell’import di olio di oliva straniero in Italia nel primo quadrimestre del 2011, sia importante rafforzare il sistema dei controlli con l’utilizzo delle nuove tecnologie disponibili”. Decisivo il know how dello Iasma che, come ha spiegato il presidente, Francesco Salamini, applicherà, attraverso sofisticate apparecchiature, il metodo degli isotopi stabili (particelle dell’ossigeno), già adottato nel settore enologico, all’extra vergine di oliva. Sarà quindi possibile da un semplice campione di olio, sapere se la pianta che ha prodotto l’oliva era marocchina o tunisina. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.