Olio: nuova ipotesi reato, inchiesta trasferita

olio 1C’è anche il reato di vendita di prodotti industriali con segni mendaci tra i reati ipotizzati dalla procura di Torino nell’inchiesta sull’olio extravergine. Sulla base di questa nuova ipotesi, che si aggiunge alla frode in commercio, la procura subalpina ha disposto il trasferimento dell’inchiesta a Firenze, Genova, Spoleto e Velletri.
La maggior gravità del reato ipotizzato, spiega in una nota il procuratore Capo di Torino Armando Spataro, “determina la competenza delle Procure della Repubblica” dei luoghi di produzione degli oli oggetto delle indagini. La decisione è stata presa dal sostituto procuratore Raffaele Guariniello, “in piena intesa” con il procuratore Spataro, nell’ambito dell’inchiesta sulla messa in commercio di sette distinti prodotti oleari per qualità che, secondo l’ipotesi accusatoria, appaiono non corrispondenti alle caratteristiche (“olio extravergine”) figuranti sulle etichette. (ANSA)

Tags:

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.