Olio: Ue, tappo antirabbocco solo in Italia, Portogallo,Spagna

olioppIn Europa, solo l’Italia, il Portogallo e recentemente la Spagna hanno deciso di abbandonare le vecchie oliere per lasciare il posto alle bottiglie di olio d’oliva con il tappo antirabocco: il solo che può garantire a consumatori e produttori l’origine del prodotto servito nei ristoranti, mense, pizzerie, bar. Negli altri Paesi membri nulla impedisce di riempire vecchie oliere e bottiglie con un olio che non ha nulla a che vedere con quello di qualità più elevata che appare sull’etichetta. Nell’Ue infatti, ogni Stato membro può introdurre su base volontaria il tappo antirabocco per l’olio d’oliva e le sanzioni per chi non rispetta le regole. Una decisione presa lo scorso anno dopo che la Commissione europea – attaccata duramente da Londra, l’Aja e Berlino – decise di gettare la spugna e fare retromarcia sull’operazione qualità per l’olio d’oliva. “Dopo che noi facemmo la battaglia per avere la normativa a livello europeo, male fece la Commissione a fare marcia indietro sulla proposta” – commenta oggi Paolo De Castro (Pd), coordinatore per il Gruppo dei Socialisti e Democratici alla Commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo. Per De Castro, “se la normativa Ue fosse entrata in vigore si sarebbero ottenuti risultati significativi sia sulla protezione del consumatore, che sui consumi”. Intanto la filiera italiana si dice soddisfatta dell’entrata in vigore delle nuove norme sulla protezione della qualità dell’olio d’oliva e di lotta alle frodi. Bisognerà ora vedere come reagirà il settore del commercio, proprio nei Paesi Ue più ostili alla nuova legge, che al momento non nasconde il timore di rimanere con scorte invendute nei magazzini. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.