Olio: Unaprol, indagine Guariniello rafforza made in Italy

bottiglia olioL’indagine Guarinello sostiene e rafforza l’immagine del vero prodotto italiano e dimostra che la legge Mongiello, meglio conosciuta come salva olio made in Italy, funziona perché dà a inquirenti ed investigatori gli strumenti necessari per indagare contro chi danneggia l’economia di uno dei settori più importanti dell’agroalimentare italiano”. Lo dichiara David Granieri, presidente di Unaprol, alla conferenza stampa indetta da agenzia Ice per promuovere la collettiva italiana all’esposizione sul food di Shanghai. Nel 2014 la Cina ha importato olio di oliva in totale per oltre 153 milioni di dollari, ma il consumo di olio di oliva, oggi, è appena l’1% di tutto l’olio consumato nel Paese; quindi – sottolinea Unaprol – vi sono ampi spazi di manovra per conquistare nuove quote di mercato. Nell’ultimo decennio, il prodotto è stato protagonista di una crescita costante in termini di importazioni e di consumi, anche se ultimamente la crescita ha rallentato a causa della crisi che ha spostato l’attenzione dei consumatori verso oli di semi più convenienti rispetto all’olio di oliva e alla categoria più pregiata degli extra vergine di oliva. “Il valore di oltre il 90% delle importazioni – afferma Claudio Pasqualucci, direttore dell’ufficio dell’agenzia Ice di Shanghai – proviene da un gruppo di quattro Paesi produttori nei quali l’Italia è al secondo posto dopo la Spagna e prima di Grecia e Turchia”. In Cina vi è una modesta produzione olivicola che sta attirando l’attenzione dei consumatori locali, “anche se quelli con più potere di acquisto preferiscono oli importati dai paesi tradizionalmente produttori, come quelli italiani – ha concluso Pasqualucci – perché ritenuti qualitativamente superiori”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.