Olio: Unaprol, puntare sulle nuove frontiere dell’olivicoltura

paesaggio olivicoloL’olivicoltura italiana ‘gioca’ il proprio futuro sull’innovazione, “vestendo” l’abito dell’eco-compatibilita’ ambientale e dell’eco-sostenibilita’ economica.
Non e’ una rivoluzione copernicana bensi’ il recupero di processi di valorizzazione, economica e commerciale, dei suoi sottoprodotti (sanse vergini, nocciolino, acque di vegetazione) sino a ieri considerate una vera e propria ‘minaccia’ per l’ambiente e, di conseguenza, un prodotto che non aveva alcun interesse sotto il profilo economico. Tutt’altro. In sostanza, si e’ trattato di ragionare su come attivare processi e procedure in grado di ridurre i costiall’azienda olivicola e al frantoio, alleggerendo gli oneri collegati allo smaltimento dei residui della lavorazione delle olive e le altrettanto onerose pratiche burocratiche per ottenere la relativa autorizzazione.
Ridurre i costi delle imprese, certo, ma anche stimolare la nascita di attivita’ in grado di sfruttare economicamente e commercialmente i diversi derivati della lavorazione delle olive, oltre che comprendere come, in quali comparti, utilizzare le sanse, le acque di vegetazione e il nocciolino.
In questa direzione, l’Associazione Interregionale Produttori Olivicoli (AIPO), aderente a Unaprol, ha attivato, dal 2008, allorche’ decise di “specializzare” il progetto di miglioramento di qualita’ nella gestione dell’oliveto e nella produzione di olio d’oliva rendendo neutrali e eco compatibili, ma anche sfruttabili i suoi sottoprodotti, un’attivita’ di ricerca e sviluppo i cui risultati offrono la grande opportunita’ all’attivita’ olivicola di compiere una svolta epocale.
Un impegno nel quale ha coinvolto, di volta in volta, da primari istituti di ricerca universitari (Verona, Padova, Perugina, Lubiana, etc.), oltre a industrie manifatturiere che hanno fornito il necessario supporto, traducendo le indicazioni dell’AIPO, attraverso macchine e impianti innovativi. Da queste esperienze e dal confronto conseguente, l’AIPO non solo ha dato rilievo a quei principi di multifunzionalita’ delle attivita’ agricole, quanto ha portato un’articolata seria di processi di innovazione, tali da dare una seconda “vita” economica ai reflui di lavorazione (spremitura) delle olive.(AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.