Ortofrutta più sicura con gli imballaggi di cartone

bestack
In Italia i consumi di ortofrutta sono andati in calando negli ultimi anni, lo confermano anche gli ultimi dati aggiornati al novembre 2012 che stimano una ulteriore flessione dell’1,6%, passando da 8,19 milioni tonnellate consumate nel 2011 a poco meno di 8,06 nel 2012.
D’altro lato risuona ancora vivo nella memoria dei consumatori l’eco mediatico di alcuni “scandali” igienico sanitari verificatisi negli ultimi anni, che, sebbene abbiano riguardato solo marginalmente i prodotti ortofrutticoli, ne hanno poi falcidiato il consumo. Per questo l’igiene e la salubrità dei prodotti sono elementi di primaria importanza all’interno della filiera agroalimentare, sia in termini sostanziali che di comunicazione La garanzia del rispetto delle norme igieniche e sanitarie è uno dei fattori principali che determina le scelte del consumatore, nonché un elemento di assoluta competitività tra settori e prodotti diversi, tra la frutta italiana e quella estera.
Queste garanzie devono riguardare tutti gli aspetti della filiera, dalla produzione alla distribuzione: in tutto ciò anche l’imballaggio ha quindi un ruolo importante.

Lo dimostra uno studio recente promosso dal Consorzio BESTACK, organismo che riunisce a livello nazionale i produttori di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, che ha sviluppato – insieme all’Università di Bologna – Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroalimentari di Cesena – una ricerca biennale incentrata sulla valutazione del contributo del packaging sulla contaminazione microbiologica dei prodotti ortofrutticoli.

L’analisi, curata dallo staff della prof.ssa Rosalba Lanciotti, ha riguardato le due principali tipologie di imballaggio per ortofrutta impiegate sul mercato – cartone ondulato monouso e cassette di plastica a sponde abbattibili riutilizzabili – ed è partita da un’analisi di base, ovvero vedere cosa accade se si testa il livello di igiene degli imballaggi usati per l’ortofrutta.
Complessivamente negli imballaggi analizzati è stata riscontrata la presenza di una carica microbica non pericolosa per il consumatore, ma in grado di alterare e ridurre la shelf life del prodotto fresco. Nello specifico, negli imballaggi riutilizzabili è stata riscontrata la presenza di coliformi totali e di sporigeni anaerobi, assenti invece nel cartone. I microrganismi trovati sono inoffensivi per l’uomo, ma dannosi per il prodotto, in quanto ne limitano la durata di conservazione facendo aumentare scarti e marcescenze.

Va comunque considerato che la filiera ortofrutticola è caratterizzata da infinite variabili che possono influire sulle condizioni dei prodotti stessi. Pertanto il secondo step della ricerca portata avanti dal Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari dell’Università di Bologna ha previsto una situazione asettica, nella quale cartone ondulato e plastica riutilizzabile sono stati messi alla pari, a uno stesso livello di carica batterica, al fine di misurare quanto incide il materiale di imballaggio nel trasferimento dei microrganismi sul prodotto.
E’ risultato che i frutti confezionati in cartone hanno 1/10 delle delle probabilità di essere contaminati rispetto a quelli nelle plastiche a sponde abbattibili.

Lo studio della prof.ssa Lanciotti dimostra dunque che l’imballaggio di cartone ondulato è la soluzione più igienica per il contenimento e la movimentazione di frutta e verdura, innanzitutto perché è più pulito rispetto ad altri tipi di imballaggio riutilizzabili. In secondo luogo perché, per sua stessa natura, il cartone trattiene parte della carica batterica trasferendone meno sul prodotto contenuto, questo grazie alla maggiore porosità del materiale che “assorbe” i potenziali microrganismi.

In un contesto generale dove i consumi alimentari sono sempre più orientati verso la sicurezza, il wellness, la dieta sana, il biologico, la capacità di mantenere standard elevati di igiene e salubrità è un elemento fondamentale per distinguersi sul mercato. Diviene quindi sempre più importante, per l’intero comparto ortofrutticolo italiano, innalzare il grado di analisi, ricerca e garanzia su questi temi, al fine di migliorare il proprio posizionamento a livello nazionale e internazionale.
Lo studio biennale promosso da BESTACK è il primo gradino di un più ampio progetto di ricerca volto a contribuire a rendere ancora più igienica la frutta e la verdura italiana. A fornire una garanzia di salubrità che sia un valore aggiunto per il prodotto conservato nell’imballaggio più idoneo, e un marchio di riconoscibilità in grado di differenziarlo sul mercato e renderlo più competitivo.

BESTACK è il Consorzio Nazionale promosso all’interno di GIFCO – Gruppo Italiani Fabbricanti Cartone Ondulato e fondato dalle principali aziende specializzate nella produzione di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta.
Nasce con l’obiettivo di promuovere l’impiego degli imballaggi in cartone ondulato al servizio dell’intera filiera, interpretando le esigenze degli utilizzatori e orientando il settore verso l’innovazione.
Per questo nel corso della propria attività ha sviluppato uno standard logistico per i formati di imballaggio in cartone ondulato maggiormente utilizzati nella commercializzazione di ortofrutta, ha promosso la certificazione volontaria di prodotto ‘Bestack Quality Approved’ per garantire dimensione e prestazione degli imballaggi e ha realizzato diverse ricerche in collaborazione con le principali università italiane in ambito igienico-sanitario, economico e ambientale.
Raggruppa attualmente nove soci, che rappresentano oltre il 95% della produzione italiana di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.