Pac: aiuti, meno burocrazia e più fondi ai giovani

agricoltura generica2
La nuova politica agricola europea si prepara ad accordare un maggior sostegno, ma soprattutto di ridurre la burocrazia al lumicino per oltre 1,2 milioni di piccole aziende agricole italiane. Una Pac che vuole proiettarsi verso il futuro sostenendo anche i giovani che potranno più facilmente creare la proprie azienda grazie a maggiori contributi europei. Sono alcuni importanti ‘tasselli’ del vasto compromesso sulla nuova Pac che sta prendendo forma al Consiglio dei ministri dell’agricoltura europei, riuniti da ieri a Lussemburgo. Per l’Italia sta negoziando il ministro per le politiche agricole e alimentari Nunzia De Girolamo. Ai piccoli agricoltori l’Europa punta ad accordare, a partire dal 2015, un contributo fisso, forfettario, pari a 1.250 euro per il quale non vengono richiesti obblighi burocratici specifici. Sono oltre 1,6 milioni gli italiani che ricevono contributi Ue dalla Pac. Di questi, circa 1,4 milioni ottengono un sostegno inferiore a 5mila euro e sono, per l’appunto, oltre 1,2 milioni le piccole aziende (ad esempio nella produzione di vino o di ortofrutta) che potrebbero beneficiare di uno schema di aiuto specifico per i piccoli produttori, il cui ammontare globale non potrà comunque superare il 10% dell’insieme dei pagamenti diretti che l’Ue versa in Italia. La nuova Pac apre anche ai giovani agricoltori che vogliono creare una nuova azienda, in quanto i singoli Stati membri avranno l’obbligo di accordare loro una maggiorazione del 25%, per i primi cinque anni, dei pagamenti diretti che l’Ue versa agli agricoltori per un ammontare massimo che non può superare il 2% del pacchetto globale. In Italia i giovani produttori sono 135mila e si spera che la misura incentivi i giovani a investire.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.