Pac, De Castro a ministri Ue: fare presto o la riforma potrebbe essere a rischio

«Siamo in una fase delicata e complessa del processo di riforma della politica agricola comune. Un momento chiave non solo per le risposte che dovremo dare ai cittadini e agli agricoltori europei, ma anche riguardo alla stessa possibilità di approvare entro i tempi previsti la PAC 2020». Con queste parole il Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo rurale del Parlamento Europeo Paolo De Castro ha aperto oggi il suo intervento in Danimarca in occasione della prima giornata del Consiglio informale dei Ministri UE dell’Agricoltura.
«Per rendere la Pac più flessibile e realizzare un efficace trade off tra obiettivi economici, ambientali e territoriali, dobbiamo continuare a lavorare intensamente e riporre fiducia in una proficua collaborazione tra Parlamento, Consiglio e Commissione. Obiettivi ambiziosi, che richiedono, senza indugi, un’accelerazione della trattativa per scongiurare un rinvio dell’entrata in vigore della nuova Pac. Saranno due i grandi nodi sui quali si concentrerà il lavoro dei prossimi mesi – ha proseguito il Presidente Commagri. Innanzitutto, il legame indissolubile tra decisioni sulle prospettive finanziarie e decisioni sulla Pac. Quello che decideremo non potrà essere slegato dal quadro delle risorse finanziarie disponibili. Un cambiamento sostanziale di quest’ultimo rimetterebbe in discussione qualsiasi decisione assumeremo riguardo la Pac del futuro. Un altro nodo da sciogliere sarà quello relativo alle critiche alle proposte formulate dalla Commissione su alcune grandi questioni, quali greening, figura dell’agricoltore attivo, assenza di misure adeguate al sostegno dei nostri agricoltori in un’era contraddistinta dalla volatilità. Nei prossimi giorni – ha concluso De Castro – presenteremo in Commissione Agricoltura le nostre critiche e le nostre proposte. A tale riguardo, posso anticipare che sono state raccolte centinaia di proposte di modifica all’impianto della Commissione, proposte che stiamo organizzando secondo il disegno definito ormai da tempo dal Parlamento attraverso il Rapporto Lyon e il Rapporto Dess».

Tags: ,

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.