Pac ed aiuti accoppiati: riunione interlocutoria a Roma

pomodori industria2“Bene l’inserimento degli aiuti accoppiati per la barbabietola, ma è indispensabile che questi vengano riconosciuti anche al pomodoro da industria e alla frutta trasformata.” Questo in sintesi il commento dell’assessore regionale all’agricoltura dell’Emilia-Romagna Tiberio Rabboni, dopo la riunione di ieri a Roma tra il Ministro delle politiche agricole Maurizio Martina e gli Assessori regionali all’agricoltura per concordare le scelte nazionali della Pac 2014-2020 relative alla definizione di “agricoltore attivo” e agli aiuti accoppiati. Nel corso dell’incontro è stata presentata dal Ministero una proposta che destina 288 milioni a sostegno della zootecnia ( vacche che hanno partorito, nutrici, bovini macellati, ovicaprini, soia), 184 ai seminativi (oleoproteaginose, proteiche, barbabietola, riso) e 98,3 milioni alle colture permanenti (olivo). Gli Assessori hanno espresso numerose osservazioni critiche e chiesto al Ministro una nuova proposta. La riunione è stata riconvocata il 30 aprile.
“E’ apprezzabile che il Ministero abbia aggiunto, come da noi più volte richiesto, la barbabietola tra le colture da sostenere con gli aiuti accoppiati ad ettaro – ha commentato Tiberio Rabboni – l’eliminazione nel 2017 delle quote zucchero nazionali aprirà infatti le porte dell’Italia alle produzioni europee di minore qualità e prezzo e senza l’aiuto accoppiato la bieticoltura italiana, già ridimensionata dalla riforma del 2005 rischia di scomparire definitivamente. Bene anche il premio per le vacche da latte che hanno partorito vitelli, premio maggiorato in caso di incroci con razze da carne. Non possiamo però dirci soddisfatti. L’aiuto accoppiato è indispensabile anche per il pomodoro da industria, un settore con un numero molto elevato di occupati tra agricoltura e trasformazione, e per la frutta (pere, pesche e prugne) da trasformazione. Paesi europei produttori di ortofrutta concorrenti con il nostro, con costi di produzione peraltro più bassi di quelli italiani (Spagna, Portogallo, Francia), hanno già deciso l’attivazione dell’aiuto. Ciò porterà ad uno svantaggio incolmabile per le produzioni italiane e ad un serio rischio di crisi strutturale futura. Per questo insisto sulla richiesta di aiuto accoppiato anche per il pomodoro da industria e la frutta da trasformazione. Confido in un riscontro positivo del Ministero il prossimo 30 aprile”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.