Parla trevigiano la macchina per lo spritz alla spina

Non poteva che nascere a Treviso, una delle ‘roccaforti’ dello spritz, la macchina-miscelatore che prepara in un batter d’occhio il popolare cocktail. L’hanno chiamata semplicemente ‘Sprizzer’ i due amici trevigiani, Giancluca Marcassa e Marco Segatto, il primo impiegato in una ditta di logistica, il secondo perito meccanico, che a furia di frequentare bar e vedere preparare il drink si sono chiesti come fare per abbreviare meccanicamente lo sforzo e tradurlo in un’idea vincente sul piano economico. Detto fatto. Dopo prove su prove, come riferisce La Tribuna di Treviso, è nata la macchina che miscela da tre distinti serbatoi gli ingredienti per lo spritz veloce, versato come quello ‘alla spina’ delle birre. Lo spritz è, almeno nel nord Italia, il cocktail più richiesto all’ora dell’aperitivo. La leggenda vuole che sia di origine veneziana quando i soldati dell’Impero austriaco di stanza nel territorio della Repubblica Serenissima per stemperare la gradazione alcolica dei vini locali, li avrebbero allungati spruzzandovi il seltz, prendendo in prestito il verbo tedesco ‘pritzen’. Si diffuse ulteriormente durante il periodo della prima guerra mondiale, intorno al 1917, durante l’occupazione austriaca sul Piave tra le colline di Valdobbiadene e Conegliano dove regnava il Prosecco. In Austria c’é una bevanda chiamata Spritzer, fatta di vino bianco e seltz, che è stata molto popolare nel triveneto finché qualcuno l’ha voluta ‘carburare’ con un componente in più. Treviso è stata forse la prima città a lanciare lo spritz, quello che è ora in voga, mettendoci oltre al prosecco, uno spruzzo di selz o soda (ma va bene anche l’acqua minerale gassata) l’Aperol (il più diffuso) o il Campari. Ma varianti ci sono anche con il Bitter o il Select, o di colore nero come la China Martini o il Cynar. Dal Veneto il cocktail ha preso il ‘volo’ in tutta Italia, sfondando negli Usa e cercando di aprire una breccia in Spagna dove, un altro trevigiano, Paolo Galasso, partendo da Cordoba, ha lanciato una catena di sprizzerie in abbinata ai tramezzini, cercando di far scordare la ‘cerveza’ e la sangria. (ANSA)

foto tratta da http://tribunatreviso.gelocal.it

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.