Parmalat: la Ferrero rimane in pista

Settimana decisiva per la vicenda Parmalat. Dopo l’annunciato ritiro nelle ultime ore della Ferrero dalla cordata organizzata da Intesa per mantenere italiano il controllo del gruppo di Collecchio, l’azienda ha confermato ufficialmente l’interesse per il progetto. Quelle su una possibile retromarcia del gruppo dolciario di Alba vengono definite semplicemente come ”illazioni giornalistiche che si autoalimentano”. L’azienda della Nutella ha ribadito le tre condizioni gia’ indicate per l’ingresso nel capitale di Parmalat: che sia un progetto industriale, che sia di lungo periodo e di stampo italiano. A seguito della presunta rinuncia della Ferrero, si era parlato di altri probabili soci di Intesa, come la Tip di Giovanni Tamburi, disponibile, a quanto pare, a investire 300 milioni di euro e della Palladio Finanziaria. In caso venisse creato un nuovo soggetto, esso dovrebbe decidere che tipo di strategia tenere rispetto ai francesi di Lactalis che detengono il 29% dell’azienda di Collecchio. Dal canto suo, ieri Antonio Sala, presidente del gruppo transalpino in Italia, ha provato a rassicurare la politica italiana e in particolare Umberto Bossi, affermando che Parmalat è un’azienda che è nata ed è destinata a svilupparsi nel nostro Paese. Sempre ieri, il ministro dell’Economia Giulio Tremonti aveva però annunciato di volere introdurre in Italia una legge che ricalchi proprio quella anti-scalata francese. Sulla correttezza delle modalità del passaggio di mano del 29% di Parmalat ai francesi stanno facendo accertamenti la Consob e la Procura di Milano. Rimane al momento anche il nodo dell’antitrust, che per il momento potrebbe congelare il tutto.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.