Pastori: si estende la protesta


La mobilitazione dei pastori si estende a tutte le regioni per salvare dalla crisi i 70mila allevamenti italiani dove sono allevate quasi 7 milioni di pecore. Lo si legge in una nota della Coldiretti il cui vertice riunitosi a Roma ed al quale hanno partecipato i massimi rappresentanti della principale organizzazione degli imprenditori agricoli della Sardegna, della Toscana, del Lazio, della Sicilia, dell’Umbria e delle altre Regioni interessate, ha deciso la mobilitazione. “I ritardi e le debolezze sul piano istituzionale – denuncia la Coldiretti – stanno lasciando spazio a comportamenti speculativi a livello industriale che mettono a rischio la stabilita’ sociale di interi territori. In Sardegna, dove si produce quasi la meta’ del latte di pecora, che vengono riconosciuti agli allevatori 60 centesimi di euro al litro ben al di sotto dei costi di produzione e su valori inferiori del 25 per cento rispetto a due anni fa, mentre la carne di agnello deve subire la concorrenza sleale delle produzioni estere che vengono spacciate come nazionali per la mancanza dell’obbligo di indicare in etichetta l’origine a differenza di quanto avviene per la carne bovina. La produzione media di latte per pecora e’ di circa cento litri all’anno con una produzione nazionale complessiva che – conclude la nota – e’ di 7 milioni di quintali. La prima regione di allevamento in Italia e’ la Sardegna con 3 milioni di quintali, Sicilia con 700mila quintali il Lazio con 600mila la Toscana con 500mila”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.