Pe chiede stop a coltivazioni Ogm. Troppi rischi

strasburgoL’Assemblea di Strasburgo dice “no” alla coltivazione in Europa di organismi geneticamente modificati e chiede alla Commissione europea di non fare proposte o rinnovare l’autorizzazione di qualsiasi varieta’ Ogm, “fino a quando i metodi di valutazione del rischio non saranno stati notevolmente migliorati”. L’appello degli eurodeputati, approvato a larga maggioranza (385 voti a favore, 201 contrari e 30 astensioni), arriva in vista di una prossima decisione dei 28 Stati membri sull’autorizzazione al mais transgenico 1507 dell’americana Pioneer, attesa entro il prossimo 8 febbraio. Il Parlamento europeo non solo chiede di vietarlo, ma sollecita l’esecutivo Ue a non andare oltre i suoi poteri prendendo una decisione in caso dell’ennesimo rinvio da parte degli Stati membri, tenendo conto che mancano “le condizioni per la tutela di particolari ecosistemi, ambienti o aree geografiche”, come prevede la legge. La stessa Commissione Ue è finita nel mirino dei giudici europei per come ha gestito lo spinoso dossier delle coltivazioni transgeniche: nel dicembre scorso il Tribunale dell’Ue ha annullato l’autorizzazione alla patata ogm Amflora della Basf – in realtà mai decollata – mentre a settembre è stata giudicata ‘inadempiente’ per aver ritardato la procedura di autorizzazione alla coltura del mais Ogm 1507. Lo stesso mais bocciato oggi dall’Europarlamento e su cui gli Stati membri stentano a trovare la maggioranza qualificata necessaria a decidere. A dare una soluzione potrebbe essere l’Italia durante il suo semestre di presidenza dell’Ue, rilanciando la proposta di lasciare liberi gli Stati membri se coltivare o meno Ogm. “Sarebbe scandaloso se la Commissione Ue si nascondesse dietro l’assenza di una maggioranza qualificata del Consiglio e passasse oltre il parere del Parlamento europeo per autorizzare la coltivazione di questo mais” ha commentato la liberale francese Corinne Lepage, fra i promotori della risoluzione insieme all’italiano Andrea Zanoni (Pd). “Prima di proseguire a livello europeo sugli Ogm – afferma Zanoni – bisogna assicurare dal punto di vista normativo che i Paesi contrari al transgenico come l’Italia possano tutelare i propri consumatori”. Una tutela che non sempre l’Europarlamento difende a spada tratta visto che mercoledì scorso ha dato via libera al polline contaminato da Ogm nel miele venduto in Europa senza doverlo obbligatoriamente indicare nell’etichetta, a condizione che non superi la soglia dello 0,9% del prodotto. (ANSA)

Un Commento in “Pe chiede stop a coltivazioni Ogm. Troppi rischi”

  • domi scritto il 25 febbraio 2014 pmmartedìTuesdayEurope/Rome 21:03

    non vogliamo gli ogm in italia nonostante dott veronesi ne sia entusiasta che se li mangi lui l’europa ci deve tutelare

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.