Pecorino Romano invenduto destinato a paesi in via di sviluppo

Il Pecorino Romano prodotto in Sardegna e rimasto invenduto nei caseifici potrebbe essere destinato a diversi Paesi in via di sviluppo come aiuto alimentare. L’ipotesi, già inserita nella piattaforma sulla crisi del comparto ovi-caprino che la Regione Sardegna sta portando avanti in una complessa vertenza con diversi ministeri, e’ stata presentata ieri a Roma dall’assessore all’Agricoltura, Andrea Prato, in un incontro al ministero degli Affari esteri. Presenti i rappresentanti della direzione generale per la Cooperazione allo sviluppo e l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea). Da un lato la Farnesina avvierà un sondaggio, attraverso i canali diplomatici, per verificare la volontà dei Paesi terzi di accogliere il prodotto caseario sardo, dall’altro – riferisce l’assessore – la Regione invierà le schede sul Pecorino Romano contenenti informazioni sulle caratteristiche del prodotto (organolettiche, tipo di confezionamento ecc.). Contemporaneamente, la Regione e’ in contatto con il ministero del Tesoro per reperire le risorse necessarie a garantire l’intervento e trasferirle all’ente finanziatore (Agea). ”Facciamo un altro, piccolo ma significativo passo in avanti sulla piattaforma in discussione a Roma – commenta l’esponente della Giunta sarda – Questo progetto, se andrà a buon fine, consentirà di aiutare popolazioni in difficoltà, ma anche ad eliminare le eccedenze di Pecorino Romano dei nostri caseifici”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.