Pecorino romano, raggiunto accordo per eccedenze


La Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di tutela del Pecorino Romano hanno trovato un accordo per istituire una ”stanza di compensazione” che possa eliminare le eccedenze di formaggio. Lo ha annunciato dall’assessore regionale dell’Agricoltura, Andrea Prato, che oggi ha incontrato il Cda del Consorzio di tutela del pecorino romano, (rappresentanti dell’industria e cooperazione sarda, toscana e romana). Le eccedenze saranno gestite grazie alla promozione da parte della Regione e Sfirs, magari valorizzando il prodotto nelle scuole. ”Come Regione, insieme alla mano del sostegno, abbiamo proposto di effettuare interventi strutturali, trovando un soggetto, che e’ la stanza di compensazione, che dovra’ decidere quanto formaggio far sparire dal mercato e che cosa ne facciamo del latte 2011 e quanto ne dobbiamo destinare al pecorino romano – ha spiegato l’assessore – questo sistema sta implodendo e non da ieri ed in un momento di crisi congiunturale forte e di crisi strutturale dell’agricoltura sarda, la situazione del pecorino romano e’ drammatica”. Ad ottobre 2009, l’eccedenza della produzione (stima dell’invenduto) e’ stata di 40 mila quintali di pecorino (produzione di 266 mila quintali 2008-2009), quest’anno l’eccedenza prevista per ottobre 2010 sara’ di 60 mila quintali (274 mila quintali produzione 2009-2010), ossia 40 milioni di litri di latte che non verranno trasformati (il 75% di latte prodotto in Sardegna viene trasformato in pecorino romano), mentre il rischio per il 2011 e’ di 100 mila quintali in eccedenza. In una nota il presidente del Consorzio Toto Meloni ha fatto sapere che l’organismo ”condivide il programma d’intervento”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.