Per l’agricoltura è crisi profondo e la Cia scende in piazza per chiedere provvedimenti ad hoc

Politi Redditi in calo, costi sempre piu’ alti, oneri burocratici inamovibili, difficolta’ ad ottenere credito, imprese a rischio chiusura: l’agricoltura italiana e’ in crisi e scendera’ in piazza, in tutta la penisola, a manifestare ”il proprio malessere”. A dirlo e’ la Confederazione italiana agricoltori (Cia), rinnovando al governo la richiesta di proclamare lo stato di crisi per il settore. Le manifestazioni di protesta, gia’ partite in questi giorni, culmineranno con mobilitazioni a Milano (13 novembre), a Perugia (il 16 novembre) e a Napoli (il 17 novembre). Secondo Giuseppe Politi, presidente della Cia quest’anno non sarebbero state promosse misure adeguate al sostegno del settore, mentre con la Finanziaria 2010 potrebbero addirittura essere tagliati i fondi per l’agricoltura. Per questo la Cia ha messo a punto una piattaforma di richieste per ridare fiato alle aziende.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.