Per le feste un quarto della spesa finisce nella spazzatura

Tra pranzi di Natale e cenoni di Capodanno, fino alle tavole imbandite per l’Epifania, finiranno nella spazzatura piu’ di 500 mila tonnellate di cibo, circa il 25% della spesa totale alimentare per le festivita’ pari a 1,5 miliardi di euro, quasi 80 euro a famiglia. E’ quanto risulta dall’indagine fatta da Cia-Confederazione italiana agricoltori Nella lista degli sprechi troviamo al primo posto latticini, uova, carni (39%) a seguire pane (19%), frutta e verdura (17%), pasta (4% della pasta). Percentuali che, al contrario, per dolci risultano assai ridotte (2-3%). Per vini e spumanti lo spreco e’ quasi nullo. Gli sprechi maggiori – sostiene la Cia – si avranno soprattutto a Natale quando le famiglie italiane getteranno nei cassonetti dell’immondizia una cifra pari a un miliardo di euro, piu’ di 50 euro a famiglia. Tra Capodanno e l’Epifania nella spazzatura troveranno, invece, alloggio piu’ di 165 mila tonnellate di cibo, per un valore, a nucleo familiare, poco meno di 30 euro.
Ma c’è anche chi fa attenzione e, almeno per quanto riguarda il pesce, adotta piccoli accorgimenti che consentono di non sprecare. A dirlo è un’indagine on line condotta dalla Federcoopesca-Confcooperative dalla quale emerge che il 36, 84% acquista piccole quantità, il 15,79% compra solamente quello che serve e il 15,79% congela i prodotti in scadenza. C’è poi chi si cimenta ai fornelli per riciclare gli avanzi, soluzione che piace al 10,53% degli intervistati, mentre comprare prodotti a lunga scadenza è una scelta ‘salva acquisto’ per il 5,26% degli italiani. Per evitare infine di gettar via prodotti ittici la Federcoopesca suggerisce poche ma semplice regole: congelare i pesci sempre puliti ed eviscerarti bene in porzioni non superiori ad 1 kg, dureranno 4 mesi circa; puntare su prodotti di taglia medio-grande perché il deperimento delle carni è più lento. Utilizzare teste di pesci e crostacei per farne le zuppe; marinare con aceto di vino bianco e aromi vari il pesce fritto non consumato per poterlo conservare a lungo; usare il pesce bollito avanzato per una classica insalata russa.

Un Commento in “Per le feste un quarto della spesa finisce nella spazzatura”

Trackbacks

  1. Z chat gratis blog » Blog Archive » Per le feste un quarto della spesa finisce nella spazzatura – Con i piedi per terra

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.