Per ridare fiato al Pecorino Romano via dal mercato 75.000 quintali di prodotto

pecorino”Toglieremo dal mercato 75 mila quintali di Pecorino romano”. Lo ha deciso il Consiglio di amministrazione del Consorzio di tutela. La scelta e’ stata presa per far fronte alla grave crisi di un comparto che registra un decremento sensibile delle esportazioni e un ridimensionamento del prezzo che sta raggiungendo livelli di guardia. Fra le misure adottate l’ammasso volontario di 30 mila quintali di Pecorino romano della produzione 2008-2009 della durata minima di otto mesi senza alcun intervento pubblico. Per quanto riguarda la campagna produttiva 2009-2010 e’ stato deciso lo slittamento della data d’inizio che passa dall’1 ottobre all’1 gennaio. Il termine viene anticipato di un mese, il 30 giugno invece che il 31 luglio. Nel periodo di produzione fra gennaio e luglio, ogni singola azienda produrra’ una quota inferiore del 10% rispetto alla produzione dell’anno precedente. In questo modo il Consorzio di tutela prevede di togliere dal mercato sino a 75 mila quintali cosi’ ripartiti: 20 mila quintali con la restrizione del periodo di lavorazione; 25 mila con l’abbattimento del 10% della produzione da gennaio a giugno, mentre altri 30 mila quintali verranno distolti grazie all’ammasso volontario. ”Si tratta di una decisione storica con il cui il Consiglio direttivo sceglie di fare da se’, senza aspettare interventi pubblici – ha spiegato il presidente Meloni – con questa iniziativa il Consorzio di tutela potra’ gestire meglio tutta la produzione in termini di quantita’ e di prezzi”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.