Pesca: Adriatico, in due secoli meno merluzzi e cernie


Antichi documenti e fonti, scritti anche in dialetto di secoli fa, sono stati ‘tradotti’ dall’ Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale (Ogs) di Trieste, e dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) di Chioggia (Venezia), per capire come sono cambiate le comunita’ ittiche nel Mare Adriatico negli ultimi 200 anni. I ricercatori dei due istituti hanno messo a punto un metodo che consente di ricavare informazioni semi-quantitative a partire da descrizioni qualitative e aneddotiche del passato. La ricerca e’ stata appena pubblicata dalla rivista ”PlosOne” e il metodo sta ottenendo consensi in tutta la comunita’ di ricercatori marini coinvolti in studi sulla fauna ittica. I dati scientifici piu’ affidabili coprono al massimo gli ultimi 50 anni e non permettono quindi analisi e valutazioni sui cambiamenti e l’impatto di eventi verificatisi nel lungo periodo. Resoconti dettagliati di naturalisti risalenti all’800 sono abbondanti, con interviste ai pescatori, diari di bordo, dipinti, fonti preziose di catalogazioni qualitative passate. Il metodo di Ogs e Ispra ha permesso la conversione di queste osservazioni in dati numerici, con la comparazione delle scale di misura dell’epoca con i dati attuali. I rapporti sono stati ricavati da archivi, musei e testi naturalisti; i primi risalgono al 1818. Un primo elenco di 255 specie ittiche ha rappresentato la base di partenza, classificate come molto rare, rare, comuni, molto comuni, e raggruppate per quarti di secolo. Cambiamenti a lungo termine relativi alle comunita’ ittiche dell’Alto Adriatico, gia’ individuati dallo studio, confermano una graduale e marcata diminuzione dei condroitti (squali, razze), la rana pescatrice, il merluzzo, la cernia bruna. Lo studio punta ora ad ampliare la finestra temporale delle analisi, in modo da creare un quadro piu’ remoto di particolari ecosistemi marini. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.