Pesca: Alleanza coop, spiragli Ue per no bando reti derivanti

peschereccio2E’ iniziato il confronto in Commissione Pesca a Bruxelles sul divieto delle reti delle piccole derivanti dal 1 gennaio 2015 ma ci sarebbe qualche possibilità per poterlo scongiurare. Lo fa sapere il coordinamento pesca dell’Alleanza delle cooperative italiane, nel sottolineare il dissenso tra gli eurodeputati su questa decisione. ”Sono solo le battute iniziali di un confronto ancora lungo ma siamo cautamente ottimisti circa la possibilità di scongiurare il divieto – afferma il coordinamento – non abbiamo ancora nessuna posizione ufficiale del Parlamento ma le perplessità sollevate dagli eurodeputati della Commissione Pesca del Parlamento europeo sulla messa a bando di questi mestieri, ci lasciano intravedere possibili spiragli per una soluzione condivisa”. Tra le motivazioni che spingerebbero a non vietare queste reti, fa sapere l’Aci, c’è la carenza di dati socio-economici, la mancata applicazione del principio della regionalizzazione nella gestione dell’attività di pesca, la necessità di nuove misure tecniche per la regolamentazione di questi mestieri e non della loro abolizione. Per l’Italia, ricorda l’Alleanza, in ballo ci sono nove mestieri di pesca artigianale a basso impatto ambientale, fonte di reddito e occupazione in particolare al Sud, dove costituiscono la base di rinomate lavorazioni gastronomiche artigianali. ”Confidiamo che il vicepresidente italiana della Commissione, Renata Briano – afferma l’Alleanza – si faccia portavoce della necessità di tener conto, insieme agli aspetti ambientali, anche della difesa dell’occupazione e di tecniche di pesca assolutamente sostenibili; ci auguriamo che prevalga il buon senso e la ragionevolezza, per garantire la difesa di tradizioni, mestieri, prodotti tipici cui rimangono legati migliaia di posti di lavoro ‘blu”’. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.