Pesca: appello presidente coop a Parlamento Ue su Fondo

pescherecci liguriaIl nuovo Fondo europeo per l’attività marittima e della pesca (Feamp) “deve poter contare su misure efficaci e gestibili, portando la pesca europea verso criteri di piena sostenibilità”. E’ l’appello lanciato oggi del presidente delle cooperative di pesca dell’Ue (Cogeca), Gianpaolo Buonfiglio, ai deputati della commissione pesca del Parlamento europeo chiamati a votare, il prossimo 10 luglio, sul futuro Fondo europeo. “Due capitoli relativi al Feamp – spiega Buonfiglio – sono per noi molto importanti. Il primo riguarda “il sostegno da parte dell’Ue del fermo temporaneo di pesca, che nelle opzioni del Parlamento e del Consiglio sembra già positivamente orientato. Il secondo su cui c’é ancora incertezza, per non dire un certo pessimismo, riguarda il mantenimento dell’aiuto europeo alle demolizioni delle imbarcazioni quindi al ritiro definito dall’attività di pesca. Su quest’ultimo punto – spiega il presidente di Cogeca-pesca, la Commissione sostiene che i contributi per le demolizioni non abbiamo avuto un effetto significativo mentre, almeno in Italia, la misura si è rivelata importante consentendo di ridurre la flotta di almeno il 20% nell’ultimo decennio”. Senza contare – prosegue – che la proposta di Bruxelles di sostituire il contributo Ue alla demolizione con delle concessioni di pesca individuali che l’armatore potrà trasferire ottenendo un sostegno finanziario, con la riforma “sono diventati una misura facoltativa, quindi la flotta rischia di rimanere orfana di qualsiasi incentivo o parametro di riferimento – pubblico o di mercato – per i ritiri definitivi dall’attività”. Buonfiglio mette in guarda anche sul fatto che “molte opportunità positive aperte dagli emendamenti degli europarlamentari rischiano di rimanere sulla carta per la quantità di vincoli e condizionalità che lo stesso Parlamento ha posto negli emendamenti di compromesso. Si tratta di tempi importanti che vanno dall’ incentivo per il lavoro giovanile alle assicurazioni contro le calamità, fino agli aiuti al segmento della piccola pesca costiera”. Il voto della commissione pesca del Parlamento è la prima tappa. Il dossier sul Feamp sarà sul tavolo del Consiglio dei ministri della pesca il 15 luglio. Buonfiglio auspica che i triloghi – i negoziati tra Parlamento, Consiglio e Commissione Ue – possano andare incontro alle richieste del settore, per poi passare all’esame dell’Assemblea plenaria in autunno.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.