Pesca: Coldiretti, 3 mesi di fermo e nuove regole


Un fermo pesca di tre mesi da attuare subito in Adriatico per frenare la crisi del settore ittico e far ripartire i consumi di pesce dopo il crollo registrato negli acquisti. E’ la proposta di Coldiretti ImpresaPesca dopo una serie di incontri con i pescatori delle marinerie marchigiane. Scompaiono dalla tavole il pesce fresco (-6%) e quello congelato (-4%) secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Ismea relative al 2010. Particolarmente difficile la situazione del pesce azzurro con gli acquisti di alici e di triglie che sono diminuiti del 12%. In sofferenza anche il pesce bianco con i consumi di merluzzi e naselli che sono in calo addirittura del 13 per cento. Secondo Tonino Giardini, presidente di Coldiretti ImpresaPesca, ”lo sforzo messo in atto negli ultimi 20 anni dai sistemi a traino ha superato la capacita’ di tenuta dell’ecosistema ed e’ ora di ripensare politiche e regole per il centro e nord Adriatico (zona Gsa.17). Magari condividendole, in tempi brevi, anche con i pescatori croati, montenegrini e albanesi”. Le marinerie chiedono dunque ”un provvedimento d’urgenza per fermare la pesca per tre mesi e ripartire subito dopo con nuove regole”. Dopo il fermo Coldiretti ImpresaPesca ritiene necessaria ”una ripartenza graduale per evitare un depauperamento veloce delle risorse”. Serve inoltre ”un divieto tassativo nel bacino Adriatico della Gsa.17 di utilizzo di sistemi a traino e di abbandono del porto, nei giorni di sabato e di domenica”, con la messa fuori legge di tutti gli attrezzi per la pesca a traino. Dopo la pausa si ripartirebbe in estate con un fermo per le aree di nursery (ripopolamento).(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.