Pesca, Coldiretti: un distretto dell’Adriatico contro i “furbetti”

La creazione di un distretto del centro Adriatico gestito dalle imprese ”e’ l’unica soluzione per fermare i ‘furbetti’ che, dopo aver pescato novellame nei propri mari, vengono a saccheggiare le nostre risorse ittiche”. Ad affermarlo e’ Impresa Pesca Coldiretti Marche che ha rivolto un appello all’assessore regionale delle Marche, Sara Giannini, in occasione della prima seduta della Consulta regionale per il settore ittico. ”L’avvio del distretto di pesca del centro Adriatico, in accordo con Abruzzo ed Emilia-Romagna, e’ indispensabile per porre un freno alla pesca senza regole di operatori che vengono da altre aree – spiega Tonino Giardini, presidente nazionale di Impresa Pesca Coldiretti -. Non possiamo piu’ tollerare che in certi territori si chieda a gran voce la cattura del novellame di pesce come il bianchetto e poi, a mare devastato, si corra in altre zone di pesca piu’ attente alla gestione per fare reddito”. Alla Regione si chiedono regole certe che tutti siano obbligati a rispettare, piani di gestione reali ed operativi e un fermo pesca regolato dal distretto senza imposizioni da Roma, con blocco delle deroghe a quelle forme di prelievo che impoveriscono il mare. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.