Pesca: Commissaria Ue, no agli scarti in mare

La commissaria Ue alla pesca Maria Damanaki ha lanciato l’allarme scarti, ossia le prede pescate e non desiderate, che vengono rigettate in mare. ”Voglio che sia chiaro: considero gli scarti immorali – ha affermato la commissaria durante un incontro sul tema a Bruxelles – una perdita di risorse naturali e uno spreco dello sforzo dei pescatori”. Oltre a fornire ”una brutta immagine” del settore di fronte ai consumatori. Damanaki ha annunciato ai ministri della pesca dei 27, presenti all’incontro, la sua intenzione di inserire una normativa molto piu’ stretta sugli scarti all’interno della riforma della Politica peschiera comune che verra’ presentata nei prossimi mesi. ”Sono cosciente che molti di voi – ha detto la commissaria riferendosi ai ministri – non vorranno discutere una proposta di bando, ma se non affronteremo il problema in tempo, questo si rivoltera’ contro di noi”. Al momento gia’ esistono nella Ue delle misure tecniche per limitare gli scarti, ma secondo la Damanaki non sono assolutamente sufficienti: ”e’ come trattare una malattia seria con un’aspirina”. Secondo un rapporto del 2004 della Fao, ben 7,3 milioni di tonnellate di pesce catturato viene rigettato in mare, una quantita’ pari all’8% delle catture totali. Per ridurre al massimo questa pratica nella Ue, la commissaria propone una serie di misure graduali ”ampliando di anno in anno le specie soggette al bando” dello scarto. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.