Pesca: Confagri, nella Ue serve politica per l’acquacoltura


“La riforma della politica comune della pesca (PCP), necessariamente dovra’ tenere in considerazione l’acquacoltura riuscendo a coniugare le esigenze di sviluppo del comparto con una equilibrata gestione delle risorse “. Lo ha detto il presidente dell’Associazione piscicoltori italiani di Confagricoltura, Pier Antonio Salvador, alla Fiera di Roma, in occasione del convegno: “Dall’acquacoltura marina, dalla vallicoltura alla maricoltura”. Il professor Stefano Cataudella, dell’Universita’ di Tor Vergata, ha aperto i lavori del convegno, promosso dal ministero delle Politiche agricole in vista della prossima riforma della PCP che sara’ operativa dal 2013, riassumendo lo “stato dell’arte” dell’acquacoltura italiana. “L’allevamento, da cui in futuro dipendera’ sempre piu’ l’approvvigionamento di prodotti ittici – ha sostenuto – non avra’ certamente una posizione di secondo piano nella futura politica comune, occorre percio’ fornire alla Commissione UE proposte capaci di potenziare l’acquacoltura, risolvendo quelle problematiche che, finora, ne hanno frenato lo sviluppo”.
“Rispetto al passato l’acquacoltura ha un approccio piu’ sereno con il mondo della pesca; i settori, infatti, sono complementari, non in competizione tra loro – ha rilevato Salvador -. E l’allevamento ittico ha un ruolo prezioso in termini di sostenibilita’ ambientale, economica e sociale soprattutto nelle aree marginali”. Il presidente dell’API ha anche sottolineato la necessita’ di accrescere il rapporto tra ricerca, produzione e ambiente, nonche’ il legame tra sicurezza alimentare e sicurezza sociale: “Occorre che ci siano maggiori garanzie sulle produzioni extracomunitarie, ma anche piu’ attenzione in ambito comunitario, dove le condizioni di lavoro e di tutela del lavoratore non sono uguali alle nostre”. A parere del presidente dei piscicoltori di Confagricoltura la nuova PCP, infine, dovra’, andare verso un’effettiva semplificazione burocratica, uguale in tutti i Paesi e prevedere forme di sostegno indifferenziate tra tutte le Regioni. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.