Da giugno vietata pesca con le draghe. Cosa cambia con le nuove norme Ue


L’Unione europea mette a rischio spaghetti e bruschetta con le telline, simboli piu’ golosi della tradizione ittica del made in Italy. Una delle norme contenute nel Regolamento comunitario del Mediterraneo nel settore della pesca che entrera’ in vigore il primo giugno, infatti, vieta la pesca con le draghe fino a 0,3 miglia dalle coste.

E le telline, appunto, vengono catturate con questo attrezzo sotto costa ad appena 20 metri dal litorale, una distanza molto inferiore a quella che sara’ consentita a fine maggio. A rischio scomparsa dalle tavole ci sono anche il cannolicchio pescato a circa 100 metri dalla costa e la vongola, quella non allevata, pescata a pochi metri piu’ a largo. Una grave rinuncia per i buongustai, ma soprattutto un danno economico per i pescatori di molte Regioni, in particolare per il Lazio che detiene la leadership per la produzione delle telline, seguito a distanza da Puglia e Campania. Basti pensare che il 10% della flotta laziale e’ attiva nella molluschicoltura con draghe e rastrelli, per un totale di 70 piccole imbarcazioni che catturano in media ogni giorno circa 40-50 chili per 11 mesi l’anno, escluso aprile.

”Siamo in attesa di una deroga promessa proprio per il settore dei molluschi”, afferma all’Ansa il presidente di Federcoopesca-Confcooperative Lazio, Claudio Brinati ancora speranzoso che l’Ue possa ripensarci. ”Altrimenti – aggiunge – sarebbe il colpo di grazia per un settore che vive gia’ una forte crisi”. Il settore delle telline ogni anno, solo nel Lazio, muove un business alla produzione di circa 7-800mila euro, per una quantita’ di circa 80 tonnellate l’anno. Ed e’ proprio la tellina del litorale romano ad essere diventata il primo presidio ittico di Slow Food nel Lazio, riconoscimento che nasce per sostenere piccole produzioni di eccellenza che rischiano di scomparire, valorizzando il territorio e recuperando mestieri di lavorazione tradizionali. Rinomata fin dai tempi romani, grazie alla qualita’ e alla finezza della sabbia, la tellina della zona che va da Passoscuro a Capo d’Anzio, e’ molto ricercata, essendo un bivalve piu’ delicato di altri molluschi, dal gusto inconfondibile tanto che va condita poco per rispettarne le qualita’ organolettiche. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.