Pesca, Federcoopesca: contro la crisi fermi più flessibili

Un fermo pesca flessibile, ‘tagliato’ sulle diverse marinerie e sulle esigenze del mercato. È la proposta che Federcoopesca-Confcooperative presenterà al ministero delle Politiche agricole, dopo essere stata adottata dal consiglio di presidenza dell’associazione. “L’attuale situazione di emergenza impone un cambio di indirizzo – afferma il presidente Massimo Coccia – dobbiamo pescare meglio, per poter sopravvivere e quindi più qualità e meno quantità”. La proposta dell’associazione comprende il fermo di quest’anno e quello da mettere in atto dal 2012 in poi. Per il 2011, i punti chiave sono: via libera ad un numero massimo di giornate di pesca per l’anno, adeguato alle caratteristiche delle varie aree, che vada dal 15 maggio 2011 al 14 maggio 2012; realizzare un fermo continuativo di almeno 30 giorni consecutivi stabilito da ciascuna impresa ‘coperto’ a livello finanziario, per ciascun membro di equipaggi con la cassa integrazione, mentre per le imprese utilizzando fondi Mipaaf; prevedere almeno altri 60 giorni di fermo, anche non continuativi, stabiliti dalle imprese per ciascuna imbarcazione, con le stesse coperture finanziarie, ma questa volta a carico di ciascuna Regione. Dal 2012 in poi, vista la scarsità di risorse del Fep, secondo la Federcoopesca occorre utilizzare le risorse comunitarie assegnate alle Regioni; in questo modo si potrebbe realizzare una gestione della flotta a strascico e/o volante in maniera più aderente alle specificità locali e ovviare alle difficoltà di ordine finanziario che condizionano l’azione amministrativa a livello centrale.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.