Pesca: Galan dice sì al fermo temporaneo straordinario


A seguito di una lunga consultazione, che ha preso in esame le varie istanze espresse dalle Regioni e dai Rappresentanti del mondo della pesca, l’unità di crisi voluta dal Ministro Galan, attivata nella Commissione Consultiva Centrale della Pesca ha formulato una serie di emendamenti e di proposte sul testo presentato.
“Un arresto temporaneo straordinario per strascico e volanti di trenta giorni continuativi che prevede un aiuto alle imprese, considerate le esigenze di sostenibilità: conservare le risorse biologiche e aiutare i pescatori utilizzando gli strumenti della Cassa integrazione in deroga per gli imbarcati e gli strumenti del FEP a disposizione dello Stato e delle Regioni per le imprese.”

“Mi rendo conto che uno strumento come il fermo temporaneo apre molteplici discussioni e che comunque risulta difficile soddisfare tutte le esigenze che emergono dal territorio, nonostante il decreto preveda una diversificazione temporale per macroaree. In questo momento critico dobbiamo essere tutti parte attiva. Per questo invito tutti a considerare il fermo temporaneo solo uno degli strumenti da mettere in campo e da integrare con tutte le altre misure che potremo attivare, senza creare aspettative irrealizzabili, ma con un grande impegno per ridisegnare la pesca italiana”.

“Coerentemente alle politiche della pesca che ho annunciato, ritengo che dobbiamo fare il massimo degli sforzi per tutelare gli ecosistemi marini e le risorse biologiche del mare, proprio per tutelare i pescatori e la continuità economica delle loro attività. Naturalmente mettendo in campo tutti gli strumenti a supporto dei lavoratori e delle imprese, ripeto questo concetto per ricordare che la pesca sostenibile e responsabile non può prescindere dal binomio pesca economicamente vitale in ecosistemi marini tutelati”.
“Mi rendo conto che governare la pesca per lo Stato sia un compito molto complesso, da un lato le regole comunitarie, giuste nei principi, dall’altro le specificità che emergono dalle marinerie e dai Governi locali. Chiamerò tutti gli attori a collaborare con tempismo a ridisegnare le misure per la pesca, serve armonizzazione tra le parti ed occorre una maggiore consapevolezza di tipo europeo da parte di tutti. Una cosa è certa, nel 2011 non discuteremo di fermo nelle ultime settimane che precedono questa misura, dovremo fare in modo che la programmazione triennale, l’uso della legge delega, e gli adempimenti comunitari, unitamente al monitoraggio scientifico degli effetti del nuovo regolamento, ci possano consentire di mettere in campo politiche robuste per la tanto auspicata sostenibilità in un contesto di contenimento della spesa pubblica.”

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.