Pesca: Galan; occorre una transazione dolce


”Un piano che porti a una transazione dolce”. E’ quello che propone il ministro delle Politiche agricole Gian Carlo Galan per venire incontro alle forti proteste di molte marinerie italiane contro il nuovo regolamento europeo per la pesca nel Mediterraneo che impone per alcuni tipi di imbarcazioni distanze piu’ lontano dalla costa e mette al bando determinati tipi di reti. Ma il ministro, che ha partecipato nel Bolognese ad un convegno organizzato dalla Confagricoltura, non e’ stato tenero di fronte alle richieste e alle proteste dei pescatori. ”Riusciamo a spiegare a quelli che usano troppi luoghi comuni che il mare non puo’ essere continuamente depredato e che l’Europa non si puo’ ritenere che esista solo quando ci fa comodo? – si e’ chiesto polemicamente Galan – Riusciamo a spiegare che sono 16 anni che andiamo avanti con proroghe e proroghe, che la pesca a strascico sottocosta e’ certamente dannosa e che quando si fa parte di una comunita’ bisogna influenzarne le decisioni e quindi partecipare attivamente oppure rispettarle anche quando possono procurare un immediato dolore?”. ”Possiamo dire per una volta – ha continuato ancora Galan – che sono quattro anni che quella regola e’ in vigore e noi otteniamo una deroga? Detto tutto questo – ha osservato ancora il ministro – io dico che e’ sacrosanto per i pescatori non richiedere deroghe ma un piano che porti a una transazione come sempre dolce”. ”Dico anche un’altra cosa – ha concluso su questo punto Galan – che forse al piano bisognava pensarci da quattro anni a questa parte”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.