Pesca: il meteo negativo dimezza le catture in Adriatico


Attivita’ quasi dimezzata per la flotta peschereccia italiana che, a causa delle condizioni meteo marine particolarmente negative, non e’ potuta uscire in mare. Un andamento a fronte del quale si e’ verificata una crescita dei prezzi all’ingrosso, gia’ comunque alti rispetto al periodo stagionale. Lo afferma l’Ismea in base ai dati dell’ultima settimana di febbraio, dal 28 al 3 marzo, rispetto al mese precedente. Particolarmente evidente e’ la flessione delle catture nel mar Adriatico con un calo generalizzato del 62%; tra le specie scambiate ci sono spigole e orate d’allevamento, acciughe, cefali, pagelli e sarde che hanno visto in leggero rialzo i loro prezzi di vendita. A Trieste i conferimenti, secondo l’Ismea, sono diminuiti del 16,1%, dove, a causa della bora che ha raggiunto 180 chilometri orari, e’ stata sospesa temporaneamente perfino la vendita all’ingrosso. Stesso andamento nella piazza di Cesenatico che ha registrato un fatturato di poco piu’ di 53.500 euro a causa degli scarsi volumi scambiati pari a 17,8 tonnellate, una scarsita’ compensata in parte dai prodotti di allevamento. Quanto ai prezzi, ad Ancona ad esempio, le quotazioni del rombo chiodato sono passate 25,23 euro/kg della settimana precedente a 30,21 euro/kg (+19,74%), a Civitanova Marche da 29,71 euro/kg a 32,43 euro/kg (+8,9%). (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.