Pesca: in arrivo nuova burocrazia europea


”La pesca europea sta per diventare un sorvegliato speciale con nuovi numerosi adempimenti a carico degli operatori e dell’Autorita’ marittima; manca solo la telecamera a bordo, di cui a Bruxelles era anche stata ventilata la proposta, per avviare un assurdo ‘grande fratello’ su ogni peschereccio”. Commentano cosi’ Agci Agrital, Federcoopesca-Confcooperative e Lega Pesca, l’approvazione delle norme attuative del Regolamento Ue sul controllo, approvate dal Comitato di gestione di Bruxelles. A nulla sono valse, affermano le associazioni, le proposte a rivedere un provvedimento che mettera’ in seria difficolta’ la pesca europea; al di la’ dell’appesantimento burocratico, problemi tecnici ed economici metteranno in mora la pesca di diversi Stati membri. L’attivazione della ‘macchina infernale’, spiegano le associazioni, richiedera’ interventi a bordo, nei punti di sbarco e negli uffici dell’Autorita’ marittima che dovra’ ricevere ed ordinare dichiarazioni quotidiane, elettroniche e cartacee, provenienti da ogni singolo peschereccio in tutte le marinerie dove si sbarca un pesce. Il movimento cooperativo invita comunque tutte le imprese ad adeguarsi al nuovo regolamento, assicurando il proprio impegno per cercare di modificare l’approccio con cui applicare alla pesca europea i criteri della sostenibilita’, salvaguardando ambiente, economia delle imprese, occupazione e ruolo sociale e culturale del settore.(ANSA).

Un Commento in “Pesca: in arrivo nuova burocrazia europea”

  • rocco scritto il 27 marzo 2011 pmdomenicaSundayEurope/Rome 17:52

    io oltre le telecamere proporrei anche di dividere le spese di gestione dei pescherecci con tutte queste associazioni magna magna che non sapendo fare altri lavori vogliono vivere con i soldi dello stato italiano e tutti i cittadini italiani….potrei dire altre cose ma non vorrei offendere nessuno chi ha capito capisce…..io credo che adesso si stà esagerando unpò molto con i lavoratori del mare,questa la chiamate democrazia,?state facendo di tutto per creare disoccupazione e ci state riuscendo,adesso oltre a tutti queste migliaia di persone disperate che stanno arrivando in italia ci agreghiamo anche noi giovani pescatori e poi visto che nessuno a questa gente darà lavoro andremo a mangiare da wwf ,iccat,federpesca ,greenpeace,e a casa di tutti i nostri politici che visto che sono molto generosi ci ospiteranno e allora perchè andare in mare a bestemmiare?il piatto è caldo e pronto….è facile parlare seduti ha una sedia le leggi vanno fatte da chi è competente di mare e dare la possibilità di lavorare perchè voi non sapete che ogni peschereccio ha dalle 3 alle 7 famiglie da far mangiare che adesso non arrivano neanche a fine mese..

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.