Pesca: la cooperazione teme il parere del Senato su figura imprenditore ittico


La figura dell’imprenditore ittico potrebbe non comprendere le cooperative che utilizzano prevalentemente il prodotto dei soci e tutte le attività connesse, come la trasformazione o il pescaturismo. Lo fanno sapere in una nota Agci Agrital, Federcoopesca-Confcooperative e Lega Pesca, preoccupate dal parere approvato oggi dalla Commissione agricoltura del Senato sullo schema di decreto legislativo recante misure per il riassetto della normativa in materia di pesca e acquacoltura. In pratica, sarebbe da considerarsi imprenditore ittico solo chi pesca, contrariamente a quanto previsto da dieci anni dalla normativa vigente non solo nel settore ittico ma anche in agricoltura. “Si tratta di un duro e gratuito attacco alla cooperazione e a tutte le attività connesse alla pesca – commentano le associazioni – che penalizza una parte importane della filiera”. Se il parere del Senato venisse recepito dal Governo, concludono le tre associazioni, “sarebbe un drastico passo indietro nella politica di rilancio del comparto, che punta proprio sulla valorizzazione delle attività complementari a quelle di pesca; il tener fuori, poi, le cooperative vuol dire penalizzare una realtà che nel settore rappresenta più dell’80% delle imprese”.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.