Pesca: le cooperative chiedono a Ministro Catania certezze sul fermo 2012


Il fermo pesca preoccupa il movimento cooperativo del settore ittico che chiede certezze su tempi e risorse. Questo, in linea con gli impegni del ministro delle Politiche agricole, Mario Catania il 26 gennaio scorso, volti ad individuare la copertura finanziaria per retribuire armatori ed equipaggi. Una mossa che aveva creato legittime aspettative che non possono essere deluse. Il movimento cooperativo sollecita non solo tempi e modalità di attuazione, ma anche di conoscere a quali capitoli di spesa si intenda ricorrere per finanziare la misura, “se si tratterà della solita partita di giro cui il settore è tristemente abituato, vedendosi sottrarre proprie risorse per fare fronte alle emergenze”. Le associazioni, a oggi, non hanno la disponibilità della categoria a voler contribuire a questa misura, abbinando al fermo un intervento anticipato di riduzione dei giorni di pesca. “Rinnoviamo la fiducia al ministro, così come nella sua disponibilità a valorizzare le proposte che giungono dal settore – dichiarano i presidenti Giampaolo Buonfiglio (Agci Agrital), Massimo Coccia (Federcoopesca) e Ettore Ianì (Legapesca) – ma il periodo per il fermo si avvicina e i tempi per discutere strategia e modalità attuative sono in scadenza; serve subito un confronto a livello istituzionale, anche per lanciare un messaggio positivo di attenzione alle esigenze della categoria”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.