Pesca: Legapesca, integrare aiuti demolizione Alto Adriatico

peschereccio
Occorre integrare gli aiuti europei previsti per le demolizioni delle imbarcazioni con altre azioni, in modo da coniugare la tutela dell’ambiente con la salvaguardia del diritto al lavoro degli operatori che non ne usufruiranno. Lo sottolinea la Lega Pesca, a proposito dell’apertura di bandi del Fondo europeo della pesca per l’arresto definitivo in Alto Adriatico. “Era la prima delle priorità del Piano di Salvataggio da noi proposto – spiega il presidente Ettore Ianì – per dare risposta all’emergenza socioeconomica creatasi in seguito all’entrata in vigore del Regolamento europeo sulla pesca nel Mediterraneo che a ha messo fuori legge l’intero comparto del piccolo strascico costiero, circa 4mila addetti”. Per quanto riguarda gli importi dei bandi, fa sapere la Lega Pesca, al momento il Veneto ha predisposto 4 milioni di euro e l’Emilia Romagna 2 milioni (è in arrivo la delibera per il Friuli Venezia Giulia). Tra le altre azioni la Lega pesca propone autorizzazioni di sostituzioni di attrezzi in licenza, misure di ammodernamento per consentire alle imbarcazioni di rispettare i nuovi limiti di operatività e diversificazione dell’attività in linea.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.