Pesca, nuovo incontro dell’Unità di Crisi

Si e’ conclusa dopo oltre 4 ore la seconda riunione dell’Unita’ di crisi della pesca al ministero delle Politiche agricole per l’esame del decreto del fermo pesca: è stato già fissato il prossimo incontro per lunedi’ 21 giugno alle ore 11. Nel corso dell’incontro sono state presentate diverse proposte. ”La partita e’ ancora aperta, con nodi importanti da sciogliere su modalita’ di sospensione e risorse finanziare per gestire questa misura”, afferma Massimo Coccia, presidente Federcoopesca-Confcooperative, che ipotizzato un fermo flessibile che tenga conto delle diverse esigenze delle marinerie e della stagionalita’ delle risorse. Nella riunione e’ stata messa a punto l’agenda dei lavori dell’Unita’ di crisi per affrontare vari temi, dalla valutazione delle misure da adottare per verificare l’impatto dell’entrata in vigore del Regolamento comunitario, alle modalita’ economiche e non per attuare il fermo, alle concessioni di deroghe per la pesca a strascico tra 0,7 e 1,5 miglia dalla costa. Lega Pesca ha richiesto un periodo di fermo obbligatorio di almeno 45 giorni, esteso anche al sistema della circuizione, con compensazioni finanziarie alle imprese in base al Fep e con il ricorso alla cassa integrazione in deroga per gli imbarcati.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.