Pesca: piace alle associazioni la possibilità di riconoscere il prodotto italiano

Piace alle organizzazioni di pesca l’iniziativa lanciata dal ministro Catania di studiare un sistema di tracciabilità volontario presso punti vendita e ristorazione per remunerare in modo corretto l’attività dei pescatori italiani. “Ben vengano tutte le iniziative volte a valorizzare le produzioni nazionali, il lavoro dei pescatori e a consentire al consumatore di scegliere consapevolmente che cosa acquistare”, afferma all’Ansa Federcoopesca-Confcooperative, che ricorda come, secondo un sondaggio online condotto dalla stessa associazione, il 36,36% dei consumatori presta particolare attenzione alla provenienza in termini di zona di cattura o allevamento, quando acquista pesce. “Il problema – conclude l’associazione – è che ancora oggi non ci sono tutti quegli strumenti per capire se l’acciuga nel piatto sia stata pescata o meno nei mari italiani e questo è ancora più vero quando si parla di ristorazione o mense”. Dello stesso parere la Federpesca che si è già mossa in questo ambito. “E’ uno spunto che condividiamo pienamente”, fa sapere l’associazione che sta dando vita a una rete di ristoranti a base di pesce esclusivamente italiano, che si tradurrà in concreto in un accorciamento di filiera. La distinzione dei prodotti italiani dagli altri, secondo Federpesca, va a risolvere tanti problemi anche in termini di competitività. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.