Pesca. Ue: associazioni, indetta per giovedì convocazione a Mipaaf

Fiato sospeso per i pescatori italiani in attesa delle imminenti scadenze comunitarie che riguarderanno il 5% della flotta nazionale. Il 1 giugno infatti, entrerà in vigore il Regolamento Mediterraneo con nuove disposizioni su maglie, attrezzature e distanze minime dalla costa che impediranno la cattura di molte specie, tra cui telline, cannolicchi, cicerelli, rossetti e calamaretti. A questo proposito il 20 maggio è stata convocata una riunione al ministero delle Politiche agricole con le organizzazioni del settore. ”Più che speranza dovremo capire come affrontare quest’emergenza per quanto preannunciata – commenta il presidente dei Agci-Agrital Giampaolo Buonfiglio – il Regolamento non può essere mutato ma governato e, non avendo avuto occasione di incontrare il ministro, siamo curiosi di capire come intenda affrontare l’impatto che ne deriverà e quale rapporto intenda instaurare con le associazioni disposte a dare comunque ogni tipo di collaborazione”. Il presidente di Lega Pesca Ettore Ianì si dice fiducioso nella strategia che il ministero dovrà indicare per uscire dall’impasse e giovedì illustrerà un piano anti crisi messo a punto dalla sua associazione. Non ha dubbi infine il presidente di Federcoopesca-Confcooperative Massimo Coccia, sul fatto che una parte significativa della pesca del Mediterraneo sia destinata a cambiare volto, anche se al momento è difficile stimarne gli effetti concreti. ”Le preoccupazioni degli operatori ci sono e sono lecite anche perchè saranno solo le flotte comunitarie a dover rispettare queste limitazioni – spiega Coccia – il che’ la dice lunga sul reale impatto positivo che potranno avere in un’ottica di tutela delle risorse ittiche; a questo punto è importante capire come si delineerà il quadro di deroghe e piani di gestione presentati dall’Italia alla Unione europea”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.