ER: pesca, via libera alla nuova legge che regola l’attività nei fiumi e nei laghi

Salvaguardia delle specie ittiche locali; abolizione del tesserino ed esenzione dal pagamento della licenza per i minorenni, per chi ha più di 65 anni e per i disabili; un ruolo più forte anche di tipo gestionale per le associazioni volontarie di pescatori. Sono alcuni dei punti qualificanti della legge per la “tutela della fauna ittica e dell’ecosistema acquatico e per la disciplina della pesca, del’acquacoltura e delle attività connesse nelle acque interne” approvata oggi in Assemblea legislativa.
“Con questo provvedimento – ha sottolineato l’assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni – l’Emilia-Romagna si pone all’avanguardia per quanto riguarda la salvaguardia delle specie ittiche autoctone dei nostri laghi e fiumi e, più in generale, per la valorizzazione di un’attività quale la pesca che, se correttamente esercitata, può svolgere un’importante funzione a difesa dell’ambiente e per la valorizzazione di un territorio. Va in questa direzione anche il ruolo più forte riconosciuto alle associazioni volontarie di pescatori e la possibilità per i Comuni di istituire “zone speciali di pesca”. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla stesura del testo di legge: l’associazionismo ittico, il relatore Roberto Garbi e tutti i consiglieri regionali che, senza distinzione tra maggioranza e opposizione, hanno fornito proposte utili ad arricchire il testo finale”.

Le novità della legge. I Comuni potranno istituire “zone speciali di pesca”
Una tutela più forte delle specie ittiche autoctone. Va in questo senso il divieto di immissione nei fiumi e nei laghi di specie non locali che possono turbare l’habitat naturale e la creazione di speciali bacini di stoccaggio per quelle specie particolarmente invasive come il pesce siluro e il gambero della Lousiana. Per le specie autoctone a rischio di estinzione, come nel caso delle rane, scatta il divieto di pesca.
Non solo: tra le novità della legge anche una forte semplificazione burocratica per incentivare la pratica della pesca sportiva e ricreativa. Non sarà dunque più richiesto il tesserino, ma basterà la ricevuta del versamento annuale, che potrà essere fatto anche on-line. Per chi ha meno di 18 anni, più di 65 anni e per le persone disabili inoltre l’esercizio della pesca sarà gratuito.
I Comuni inoltre potranno decidere di istituire “Zone speciali di pesca” su non più del 40% delle acque pescabili dei singoli fiumi per valorizzare anche turisticamente particolari aree del territorio regionale, come quelle di montagna. Viene inoltre istituito un elenco regionale per i pescatori professionali e chi esercita l’acquacoltura, mentre le associazioni volontarie dei pescatori entreranno a far parte dei diversi organi consultivi e ad esse gli enti locali potranno affidare anche compiti di tipo gestionale

Un Commento in “ER: pesca, via libera alla nuova legge che regola l’attività nei fiumi e nei laghi”

  • Corrado Sacchi scritto il 7 novembre 2012 pmmercoledìWednesdayEurope/Rome 17:19

    Mi sembra una legge molto buona ed una semplificazione burocratica sensata. Non ho capito quando sarà pubblicata e quando entrerà in vigore insieme alla nuova carta ittica.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.