Pesca: Wwf, 150mila firme al Parlamento Ue per la riforma

Il Wwf ha consegnato oggi al Parlamento europeo 150mila firme, tra cui 11mila italiane, per chiedere una riforma della pesca orientata alla sosteniblità che ponga fine a sprechi, illegalità e sovrasfruttamento. Per la prima volta dalla creazione della politica comune della pesca nel 1983, sottolinea il Wwf, i membri del Parlamento europeo hanno la possibilità di “correggere 30 anni di cattiva gestione da parte dei ministri della pesca”. Questo grazie all’applicazione della procedura di co-decisione, che dà al Parlamento pari potere decisionale. “Le solite pressioni feroci da parte del settore industriale della pesca hanno già indebolito la proposta della Commissione europea. Ora tocca ai parlamentari europei subire tale attacco”, afferma Marco Costantini, responsabile del programma mare del Wwf Italia. “I cittadini europei chiedono loro di resistere e di rispettare il loro volere: nessuno vuole più una pesca gestita come lo è stato in passato”. Le 150mila firme, cui si aggiungono 30mila email inviate ai parlamentari dai cittadini europei, sono state consegnate a Ulrike Rodust, relatore parlamentare per la politica comune della pesca, secondo cui “se 150mila persone chiedono una pesca più sostenibile, ciò significa che vogliono che i loro rappresentanti al Parlamento approvino e promuovano una riforma ambiziosa della pesca”. La commissione Pesca del Parlamento Ue sarà chiamata a votare il 28 novembre. (ANSA).

Tags: ,

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.