Pesce spada: Ue bene la decisione italiana sul fermo pesca

”Bene la circolare adottata dall’amministrazione italiana” per il fermo – da queste notte alle 24.00 e per due mesi – della pesca al pesce spada in quando ”la raccomandazione della Commissione internazionale per la pesca del tonnidi (Iccat), e’ direttamente applicabile in tutti gli Stati membri, anche se non recepita nell’ordinamento comunitario con un apposito regolamento Ue”.
E’ quanto ha dichiarato la Commissione europea all’ANSA in relazione al fermo di pesca per il pescespada in vigore da domani primo ottobre fino al 30 novembre.
Sull’applicazione del fermo pesca fonti della Commissione europea a Bruxelles hanno tenuto a spiegare che, la raccomandazione dell’Iccat di applicare un fermo pesca di due mesi per il pesce spada, a partire da domani, ”e’ entrata in vigore il primo giugno 2010 per tutte le parti contraenti, cioe’ l’Ue e i relativi Stati membri”. Inoltre, ”la Direzione generale ‘Mare’ alla Commissione europea, con una lettera inviata il 21 maggio scorso, ha ricordato agli Stati membri che in assenza di una ‘trasposizione’ della raccomandazione Iccat in legge europea, l’Ue in quanto parte contraente ha l’obbligo di assicurarsi che le disposizioni vengano applicate”. E questo, proseguono le fonti dell’Esecutivo Ue, ”in conformita’ all’articolo 216 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, in cui si sottolinea che gli obblighi internazionali impegnano gli Stati membri anche in assenza di atti di recepimento interno”. Si tiene poi a ricordare, ”che la raccomandazione dell’Iccat e’ stata adottata anche dal Consiglio regionale per la pesca del Mediterraneo (responsabile pure per il pesce spada), ed e’ entrata in vigore lo scorso 8 settembre”. Ora Bruxelles dovra’ accertare che gli Stati membri interessati rispettino le disposizioni adottate nel quadro dell’organizzazione internazionale. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.