Il rapporto ‘Pesticidi nel Piatto’

Il percorso per ottenere un uso dei fitofarmaci sostenibile è ancora lungo. Nei cibi permangono ancora i ‘multi-residuo’ cioe’, che sommano gli effetti della presenza contemporanea di differenti principi attivi sul medesimo prodotto, e rimane anche il problema della rintracciabilita’ di pesticidi revocati. La denuncia è di Legambiente nel rapporto annuale ‘Pesticidi nel piatto’, realizzato insieme al Movimento Difesa del Cittadino (Mdc). Il rapporto segnala un aumento dei prodotti contaminati da uno o piu’ residui di pesticidi (da 27,5 a 32,7 per cento), e nei prodotti derivati come miele, pane, vino, appaiono per la prima volta irregolarita’ nel 2,7% dei campioni, il 50% della frutta risulta incontaminata mentre, a 32 anni dalla sua messa al bando, ricompaiono tracce di Ddt in un campione di insalata analizzato in Friuli. Il rapporto ‘Pesticidi nel Piatto’ non e’ rassicurante: ”Aumentano i prodotti contaminati da uno o piu’ residui di pesticidi (da 27,5 a 32,7%); salgono anche i campioni irregolari (da 1,2 a 1,5%). Diminuiscono, di conseguenza, quelli regolari senza tracce di molecole chimiche (da 71,3 a 65,8%) ma soprattutto, il numero dei campioni analizzati, che passano dagli 8764 dello scorso anno, agli attuali 8560 (-204)”. ”Tra le verdure il 76,4% dei campioni risulta regolare senza residui a fronte dell’82,9% nel 2009; 45 sono i campioni fuori legge (1,3% contro lo 0,8% dello scorso anno), mentre il 22,3% risulta contaminato da uno (15,8%) o piu’ residui (6,5%, erano il 3,5% nel 2009)”. Una buona notizia, diminuiscono i campioni di frutta irregolari per residui oltre i limiti consentiti o per molecole non autorizzate, passando dal 2,3% dello scorso anno all’1,2% dell’attuale, anche se aumentano quelli ”regolari ma contaminati da uno (22%) o piu’ residui (26,4%)” che passano nel complesso dal 43,9 al 48,4%. Tra i prodotti derivati (tra i quali miele, pane, vino ecc), il 77,7% risulta regolare senza residui (erano l’80,5% nel 2009); il 10,3% e’ regolare con un residuo e il 9,3% contiene piu’ di un residuo contemporaneamente. Il 2,7% risulta invece addirittura irregolare (39 campioni su 1435) segnalando una novita’ rispetto agli anni precedenti, quando la percentuale era pari a zero. ”La normativa vigente ha portato ad un maggiore controllo delle sostanze attive impiegate nella produzione dei formulati e l’armonizzazione europea dei limiti massimi di residuo consentito (LMR) ha rappresentato un importante passo in avanti – ha detto Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente – nonostante cio’, pero’, risulta ancora troppo alta la percentuale dei prodotti contaminati da uno o piu’ tipi di pesticidi”. E sul fronte dei commenti interviente Coldiretti: ”Il Ddt non si usa da anni , l’ insalata contaminata sicuramente proviene dall’estero”. Mentre Agrofarma, l’associazione dei produttori di anticrittogamici, sottolinea come ”In Italia le produzioni agroalimentari sono estremamente controllate e le rigorose verifiche effettuate su migliaia di campioni forniscono un quadro del tutto rassicurante per il consumatore che smentisce i toni allarmistici diffusi da Legambiente”. Agrofarma cita poi ”l’ultimo rapporto ufficiale del ministero del Welfare” in cui si ”conferma che frutta e verdure sono sempre piu’ sicure. Solo l’1.1% dei campioni analizzati e’ infatti risultato sopra la soglia di legge. In due casi su tre (66.7%) i campioni sono risultati del tutto privi di residui. Negli altri casi il 32.2% rientra comunque nei limiti di legge”. Comunque la Coldiretti, riferendo del rapporto del ministero della Salute, parla di una riduzione di frutta e verdura irregolare sul mercato nazionale di quasi cinque volte in poco piu’ di quindici anni passando dal 5,56% del 1993 all’1,2% dell’ultima rilevazione ufficiale. Per Cia-Confederazione italiana agricoltori e Confragricoltura frutta e ortaggi made in Italy sono sicuri.

Un Commento in “Il rapporto ‘Pesticidi nel Piatto’”

Trackbacks

  1. diggita.it

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.