Piemonte: 21 mln per la competitività nell’agroalimentare


La Regione Piemonte punta sulla competitività dell’agroalimentare, settore nel quale eccelle, finanziando con 21 milioni sei progetti di innovazione. Complessivamente le aziende beneficiarie saranno 81, unite in pool che includono anche una ventina di centri di ricerca. Obiettivo, sviluppare iniziative all’avanguardia nel campo ambientale, dalla produzione energetica da letame alla pellicola alimentare biodegradabile, dalla merendina salutista alle tecnologie per una completa tracciabilita’ dei prodotti. ”Ci sono alcuni settori tradizionali – ha sottolineato illustrando l’iniziativa l’assessore regionale all’Industria, Massimo Giordano – che vanno sostenuti. Ma occorre farlo puntando sull’innovazione, in modo che gli investimenti fatti vengano ripagati da una accresciuta competitivita’. Cio’ che oggi presentiamo e’ un esempio di quanto metteremo in campo con il nuovo piano sulla competitivita’ del Piemonte, in fase di ultimazione. I contributi non vengono piu’ distribuiti a pioggia, ma mirati su pochi grandi progetti che diventano traino per l’intero comparto”. Il progetto interessa 16 grandi imprese, 27 pmi, 19 organismi di ricerca e 19 aziende agricole. Le risorse arrivano da fondi europei Fesr e in misura minore da fondi europei per lo sviluppo agricolo. Ogni progetto ha un’azienda capofila che coordina il lavoro. Nel campo delle nuove tecnologie per la sicurezza alimentare la capofila e’ Lavazza, ma nel pool figurano realta’ come Ferrero e il Politecnico di Torino. I prodotti da forno salutisti saranno elaborati da un gruppo che include due universita’, con il coordinamento di Buondi’ Bistefani. Alle nuove tecnologie per la sostenibilita’ ambientale della filiera agroalimentare lavoreranno Politecnico e Universita’ di Torino, con aziende come Sacla’ e Centrale del Latte, capofila Agroinnova. Per l’eco-food sara’ capofila Ferrero. Novamont, azienda leader nel campo dei polimeri plastici biodegradabili, sara’ a capo del progetto sulla pellicola ecologica ricavata da scarti agricoli. Me Caprom Vps Italia si occupera’ della produzione di energia elettrica dai liquami bovini. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.