Pil: Cia, agricoltura crolla sotto il peso di Imu,costi e maltempo

“L’agricoltura paga pesantemente l’opprimente Imu sui fabbricati rurali e sui terreni agricoli, gli alti costi produttivi e contributivi, l’asfissiante burocrazia, i prezzi all’origine che continuano a non essere remunerativi e le conseguenze disastrose del maltempo (siccità in particolare) che hanno colpito diversi comparti”. E’ quanto afferma il presidente della Cia, Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi in merito ai dati sul Pil diffusi oggi dall’Istat. “Tanti fattori negativi che hanno impresso una preoccupante inversione di tendenza nel settore primario che, nonostante la complessa congiuntura, aveva segnato fin dalla metà del 2011 una lenta ma progressiva crescita. Una situazione estremamente difficile – prosegue Politi – che la crisi politica rischia di aggravare ulteriormente. Per questa ragione sottolineamo l’esigenza di elezioni al più presto, in modo che ci sia una maggioranza chiara in grado di adottare politiche incisive e di ridare così fiato all’imprenditoria”. Sotto i colpi degli oneri che le aziende agricole sono costrette ad affrontare, il valore aggiunto del settore, ricorda la Cia, è diminuito nel terzo trimestre del 2012 del 5,1 per cento in termini tendenziali e del 6,7 per cento in termini congiunturali. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.