Politi (Cia): costitire al sud un distretto del pomodoro

”Anche nel Mezzogiorno si dovra’ lavorare per la costituzione di un Distretto agro-alimentare del pomodoro da industria, a carattere interregionale, che diventi l’ambito entro il quale i soggetti della filiera si incontrano, si scambiano esperienze e colgono insieme le opportunita’ del mercato”. Lo ha sottolineato il presidente nazionale della Cia, Giuseppe Politi, concludendo a Foggia i lavori di un convegno della Cia-Confederazione italiana agricoltori durante il quale si e’ discusso, appunto, della necessita’ della creazione del Distretto e delle azioni indispensabili per tutelare i redditi dei produttori e di valorizzazione la filiera. ”Sara’ cosi’ il contesto ideale dove poter avviare le trattative volte ai contratti-quadro. Il cardine, quindi, – ha sostenuto – per il buon funzionamento della macchina per le prossime campagne di commercializzazione”. Concludendo i lavori, Politi ha rimarcato l’urgenza di un progetto che apra nuove prospettive ad un settore che oggi nel Sud vive un momento particolarmente delicato, con problemi che vanno affrontati con tempismo e azioni adeguate anche perche’ il 2010 e’ stato l’ultimo anno del periodo transitorio di disaccoppiamento parziale degli aiuti comunitari. Con il nuovo anno, quindi, – e’ stato sottolineato – il settore navighera’ in mare aperto, senza piu’ alcun sostegno diretto alla trasformazione della materia prima e cio’ comportera’ gradualmente nuovi assetti organizzativi della filiera. Per questa ragione e’ indispensabile operare -e’ stato rilevato durante i lavori del convegno di Foggia- per la stabilita’ della filiera, soprattutto se si pensa che lo spirito del disaccoppiamento totale risiede proprio in una maggiore liberta’, per l’imprenditore, di decidere quale ordine colturale scegliere per la propria azienda in base alle convenienze che trova sul libero mercato. Ovviamente -e’ stato sottolineato dalla Cia- i produttori dovranno continuare a mantenere uno stretto rapporto con le aziende di trasformazione, la cui attivita’ in questo comparto e’ fortemente legata a quella agricola. La firma di un contratto e l’obbligo di rispettarlo, seguendo regole condivise, sara’ il nuovo perno delle relazioni interprofessionali.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.