Politica Comune della Pesca, l’Islanda non aderisce. A rischio l’ingresso in UE

La pesca rischia seriamente di diventare un ostacolo all’ingresso dell’Islanda nella Ue, e’ questo l’allarme lanciato al termine dell’incontro, tenutosi il 25-26 gennaio a Bruxelles, tra la Commissione pesca del Parlamento Ue e i rappresentanti di Reykjavik. Gia’ il 21 gennaio scorso la Commissione Ue ha deciso il blocco delle importazioni di sgombro islandese per la negativa di Reykjavik a negoziare le quote 2011, ma la preoccupazione si estende ora a tutto il settore. Le posizioni tra le parti sono infatti ancora alquanto distanti. L’Islanda, come ha riconosciuto il capo negoziatore Stefán Haukur Johannesson, non vuole aderire alla Pcp, la Politica comune della Pesca, perche’ non sarebbe adatta alle esigenze del paese. ”Siamo fiduciosi – ha affermato Johannesson – che con creativita’ e flessibilita’ potra’ essere trovata un’intesa speciale”. Dall’altro lato, gli eurodeputati della Commissione pesca hanno ribadito la necessita’ di aderire alla politica comune: ”l’Islanda deve rivedere la sua posizione, senno’ sara’ molto difficile fare dei progressi”, il riassunto della tedesca Ulrike Rodust del gruppo S&D, socialisti e democratici. Secondo l’agenda dei negoziati di adesione tra Ue ed Islanda, il capitolo della pesca dovrebbe venir aperto a giugno, al termine della Presidenza Ungherese. Il nodo principale da sciogliere e’ quello legato all’area di pesca esclusiva, che Reykjavik non intende perdere, come invece prevede l’adesione alla Pcp. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.