Pomodoro: il maltempo compromette la campagna

Pomodoro industria
Il maltempo sta mettendo a dura prova l’agricoltura: le conseguenze delle prolungate precipitazioni eccezionali di questa primavera si stanno facendo pesantemente sentire. Il settore del pomodoro da industria, in particolare, vede una campagna già pesantemente compromessa. “La campagna era già ipotecata in partenza da un accordo quadro inadeguato, con tabelle qualitative potenzialmente penalizzanti per i produttori ed un prezzo di riferimento che non riconosceva il valore della produzione. Le condizioni meteo l’hanno definitivamente compromessa”: questo il commento di Giovanni Lambertini, presidente della sezione di Prodotto Pomodoro da industria di Confagricoltura Piacenza e di Confagricoltura regionale. “Oltre due mesi di pioggia hanno reso, di fatto, impossibile l’attuazione dei trapianti programmati – prosegue Lambertini – i terreni sono inzuppati ed è impensabile entrare in campo. Sarchiature e concimazioni non sono state fatte, il poco pomodoro che siamo riusciti a seminare è in campo in balia di sé stesso e del maltempo. Sappiamo già che saremo bloccati anche nei prossimi giorni. A mano a mano che il tempo passa la situazione si fa sempre più drammatica. La stima della mancata produzione, oggi, riguarda il 50% del prodotto. Un dato – prosegue Lambertini – che impatta notevolmente su tutto il settore agricolo, ma non solo. Mancando il pomodoro le fabbriche apriranno in ritardo ed avranno enormi difficoltà a programmare la lavorazione. Tutto il settore del pomodoro da industria, trasformazione compresa, è sotto scacco. Questa campagna disastrosa avrà ripercussioni anche sull’indotto, questioni occupazionali comprese”. L’ufficio studi di Confagricoltura Piacenza nei giorni scorsi aveva stimato in 100 milioni di euro i danni diretti e connessi nella nostra provincia causati dall’ondata di maltempo. “Purtroppo è un conto destinato a salire“: sottolinea Lambertini. Terminate le piogge, bisognerà attendere ancora diversi giorni prima che le macchine possano entrare in azione, in quanto un intervento nelle condizioni attuali rischierebbe di compromettere la struttura stessa dei terreni. Visti i tempi ormai assai stretti, molti agricoltori si vedranno costretti a variare i piani agronomici, sempre che le condizioni meteo si stabilizzino perché, purtroppo, anche nei prossimi giorni le previsioni sono infauste. “Confagricoltura Piacenza – commenta il presidente, Enrico Chiesa – non può che reiterare con insistenza la richiesta dello stato di calamità naturale inoltrata ormai quindici giorni fa alle istituzioni competenti e l’adozione di tutte le misure consentite dalla normativa, incluso l’anticipo dell’erogazione dei premi PAC agli agricoltori”. “La norma prevede – spiega Lambertini – che le colture assicurate non possano beneficiare di eventuali ulteriori indennizzi, ma la giungla delle modalità assicurative unitamente all’atteggiamento di talune compagnie rischiano di aggiungere al danno la beffa rendendo impossibile qualunque risarcimento. Mai come in questi frangenti – conclude Lambertini – è evidente come il sistema assicurativo debba essere rivisto e semplificato prevedendo la possibilità di assicurare il reddito in luogo dei distinti eventi atmosferici calamitosi”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.